"Un piccolo gesto per grandi persone": sforna pizze e le consegna a medici e infermieri

Il titolare della pizzeria, insieme a suo figlio, ha esternato la sua solidarietà verso gli operatori

I gestori della pizzeria napoletana "C'è pizza per te", di via Ravegnana, nelle persone del titolare Giovanni De Rosa e del figlio Alfredo, hanno compiuto un gesto di gratitudine verso i medici e gli infermieri dei reparti dell'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Forlì che combattono quotidianamente il coronavirus. Martedì si sono presentati così al nosocomio con pizze per tutti gli operatori sanitari. Il titolare della pizzeria, insieme a suo figlio, ha esternato la sua solidarietà verso gli operatori "per i sacrifici che tutti i giorni fanno per la collettività".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

  • Grande Fratello, fisico scolpito per Denis Dosio: sette mesi tra dieta e allenamenti, "Ammetto che è tosta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento