Un servizio in più per gli anziani: i Carabinieri vanno a ritirare la pensione e gliela consegnano a casa

Infatti i carabinieri potranno recarsi presso gli sportelli degli Uffici Postali per riscuotere le pensioni, previo apposita delega scritta, rilasciata dai pensionati, procedendo alla successiva consegna presso il domicilio degli stessi

Nell’ambito delle iniziative volte al sostegno della popolazione nell’attuale situazione epidemica, l’arma ha avviato una collaborazione con la Società Poste Italiane finalizzata a prevedere, limitatamente al periodo emergenziale , il ritiro delle pensioni da parte del personale delle Stazioni Carabinieri competenti per territorio in favore di utenti impossibilitati a raggiungere gli Uffici Postali. Infatti i carabinieri potranno recarsi presso gli sportelli degli Uffici Postali per riscuotere le pensioni, previo apposita delega scritta, rilasciata dai pensionati, procedendo alla successiva consegna presso il domicilio degli stessi. Ad usufruire questo servizio dedicato sono i pensionati ultra 75enni che attualmente riscuotono la pensione in contanti, non titolari di libretto o conto corrente postale, che non abbiano già delegato altro soggetto alla riscossione e che non abbiano familiari conviventi o dimoranti nelle vicinanza della propria abitazione in grado di garantire il prelievo. Il contatto tra l’utente ed il Comando di competenza territoriale può essere effettuato mediante una telefonata al numero verde 800 556 670 di Poste Italiane che fornirà il numero di telefono e l’indirizzo esatto della Stazione Carabinieri competente e, successivamente saranno contattati per sottoscrivere la delega direttamente a domicilio. E’ importante sottolineare, onde evitare truffatori sempre in agguato, che il successivo contatto avverrà da parte di militari dell’Arma in uniforme e che presenteranno la tessera personale di riconoscimento. 

A tal proposito, continuando a garantire la vicinanza al cittadino, con particolare attenzione agli studenti che, in questo periodo non possono frequentare le lezioni in classe, i militari del Comando Provinciale di Forlì con le dipendenti Stazioni, e a partire da oggi la Stazione CC di San Martino in Strada, in collaborazione con la Dirigente scolastica adia MASTROIANNI  della Scuola Media “ZANGHERI” di Forlì, stanno procedendo a consegnare direttamente presso i  domicili degli alunni 19 Tablet,  acquistati con i fondi del Ministero dell’Istruzione e 2 Personal Computer donati dal Comune di Forlì , proprio per garantire la prosecuzione delle lezioni didattiche e lo studio a distanza tramite WEB  ma  soprattutto il diritto allo studio sancito dall’Art. 34 della dalla Costituzione Italiana.

Nel garantire poi, il rispetto delle disposizioni del Decreto Ministeriale dell’11 marzo 2020 e le  successive modifiche ed integrazioni proseguono i controlli del personale dell’Arma su tutto il territorio di Forlì con l’intento di far rispettare le normative Statali finalizzate al contrasto del propagarsi dei contagi di COVID-19.
L’attenzione dell’Arma  rimane alta e costante  al fine di garantire la massima vicinanza al cittadino in questo particolare periodo, procedendo a rigorosi controlli al fine di assicurare che tutti rispettino scrupolosamente le prescrizioni imposte normativamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine si invita la popolazione ad astenersi a far entrare in casa persone che si presentano in tuta bianca e a nome del Comune o dell’AUSL inviati per sterilizzare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento