menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una Pasqua piena di solidarietà: le aziende scelgono le uova Ior per sostenere la ricerca

Sono state tante le aziende del territorio che, a vario titolo, hanno deciso di comprare le uova di Pasqua Ior

Date le nuove disposizioni in materia di contenimento del contagio da Coronavirus, l’Istituto Oncologico Romagnolo non potrà essere come da tradizione coi suoi volontari nelle piazze del territorio con le colorate uova di cioccolato, il cui ricavato sostiene la ricerca scientifica nella lotta contro i tumori. Tuttavia, Pasqua rimarrà comunque sinonimo di solidarietà e sostegno dei ricercatori che conducono ogni giorno la loro battaglia nei laboratori, per donare nuove speranze ai pazienti che combattono contro la malattia. Grazie alla collaborazione con Conad, partner storico, le uova di cioccolato Ior saranno comunque in distribuzione in vari supermercati della provincia di Ravenna e Rimini, affinché le persone possano supportare questa importante causa nel modo più “dolce”.

Ma anche la provincia di Forlì farà la sua parte: sono state tante le aziende del territorio che, a vario titolo, hanno deciso di comprare le uova di Pasqua IOR, affinché anche in questa emergenza sanitaria la strada verso una cura definitiva per il cancro non si fermi. Un grande ringraziamento quindi va anche a: Idrotermica Coop, Assicoop Romagna Futura Spa, La Bcc ravennate, forlivese e imolese Soc. coop., Gruppo Consorti Rotary Club Forlì, LaBase Revisioni, Dino Zoli Group, Vem Sistemi Spa, Studio G. Ballardini, Studio Landi, Assoform Forlì, Intesa San Paolo.

"È commovente vedere l’impegno delle aziende del territorio nei nostri confronti: strutture che in questo momento di crisi globale sarebbero giustificate a pensare a tutt’altro, e che invece buttano il cuore oltre l’ostacolo e, di fronte alla richiesta di un gesto in più per aiutarci a sostenere la ricerca, non si tirano indietro - afferma Fabrizio Miserocchi, direttore generale dello Ior -. Abbiamo chiesto una mano ai nostri amici più stretti, perché quest’anno non potendo andare nelle piazze con gli stand per la Pasqua prevedevamo un incasso minore da devolvere alla causa della ricerca".

"Ma il cancro non si ferma davanti alle emergenze, rimane sempre il nemico pubblico numero uno, quindi non possiamo nemmeno rallentare lo studio di nuovi metodi per metterlo finalmente in scacco - prosegue -. I nostri pazienti hanno bisogno di speranze: le aziende del territorio, comprando le nostre uova, hanno dimostrato di averlo ben presente. Un pensiero infine anche i nostri volontari, che pur da casa sono stati straordinari nella distribuzione del materiale per la buona riuscita dell’evento. Grazie a questo bellissimo gioco di squadra potremo affermare che anche quest’anno, nonostante il Coronavirus, sarà comunque una Pasqua di solidarietà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Scroccadenti romagnoli, uno tira l'altro: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento