Una "ripresa resiliente", Azione Cattolica detta le strategie per ri-costruire il futuro

"Senza il concorso dei cittadini e del coordinamento di tante scelte individuali responsabili non c’è via d’uscita", sostiene Russo

La parola chiave per la ripartenza, "che deve essere riferimento per tutte le scelte e strategie per il nostro Paese e la nostra città", è quella di "ripresa resiliente". Ovvero "dare priorità assoluta a tutte quelle strategie e politiche che incidono positivamente su creazione di valore economico e lavoro e, contemporaneamente, su sostenibilità ambientale, salute e ricchezza di tempo e di senso del vivere". E' la considerazione del presidente di Azione Cattolica della diocesi di Forlì-Bertinoro, Edoardo Russo.

"La prima - espone - è quella dell’economia circolare. Progettare i prodotti “dalla culla alla culla” in modo tale che al termine del loro ciclo di vita possano dar vita a nuovi prodotti invece che finire nell’indifferenziata. Contribuendo così in modo decisivo a disaccoppiare la creazione di valore economico dalla distruzione di risorse naturali".

"La seconda strada - prosegue - è quella dello smart work. È assolutamente resiliente perché può aumentare la nostra produttività, migliora l’impatto ambientale, riduce la nostra esposizione agli shock pandemici e ci rende più ricchi di tempo favorendo la conciliazione tra vita di lavoro e vita di affetti. A regime la pubblica amministrazione potrebbe avere come obiettivo ideale fino a 3 giorni di smart work su cinque (contribuendo così a ridurre per parte propria del 60% il traffico urbano)".

"Lo smart work - sostiene Russo - andrà accompagnato da investimenti necessari per ridurre le sue tre principali criticità: il problema del comfort della postazione di lavoro domestica (qualità della connessione, del pc e dell’abitazione), quello della ripartizione dei compiti di cura in casa (evitando il rischio di aggravamento soprattutto per le donne) e quello dei rapporti tra datore di lavoro e lavoratore per evitare da una parte sfruttamento e dall’altra scarsa produttività".

"Un’altra politica resiliente è quella dello stimolo fiscale all’efficientamento energetico degli edifici (ecobonus) fornendo al contempo un formidabile stimolo al settore edilizio e contribuendo a ridurre gli oneri in bolletta per i cittadini - continua il presidente di Azione Cattolica -. Prioritarie anche le scelte di mobilità sostenibile e il sostegno finanziario all’innovazione in materia di sostenibilità. Con il paradigma dell’economia civile sosteniamo da anni che i problemi sociali ed economici in società complesse come le nostre non si possono risolvere solo con un intervento dall’alto di istituzioni illuminate e l’azione dei meccanismi di mercato. C’è bisogno invece di cittadinanza attiva (degli stili e delle scelte di vita dei cittadini da soli e in forma organizzata nelle loro rappresentanze) e di imprese responsabili".

Conclude Russo: "Senza il concorso dei cittadini e del coordinamento di tante scelte individuali responsabili non c’è via d’uscita. Il coordinamento in larghissima parte c’è stato e i risultati sono stati raggiunti. Se alla fine della pandemia mettessimo lo stesso impegno e capacità di coordinamento nel votare col portafoglio (ovvero nel premiare coi nostri consumi e risparmi le aziende leader nella capacità di coniugare creazione di valore economico con la responsabilità sociale ed ambientale) molti dei problemi che abbiamo sarebbero risolti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento