rotate-mobile
Mercoledì, 26 Giugno 2024
Cronaca

Diagnostica e incontri: al "Morgagni-Pierantoni" una settimana sulla salute della donna

Fondazione Onda, dal 2007 attribuisce agli ospedali che erogano servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili il riconoscimento dei Bollini Rosa

In occasione della Giornata nazionale della Salute della Donna, che si celebra il 22 aprile, Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, organizza dal 20 al 26 aprile la settima edizione dell’(H) Open Week: una settimana sulla Salute della Donna, con l’obiettivo di promuovere l’informazione, la prevenzione e la cura al femminile. Le strutture del network dei Bollini Rosa che hanno aderito all’iniziativa offriranno gratuitamente servizi clinici, diagnostici e informativi, in presenza e a distanza, in diverse aree specialistiche: cardiologia, dermatologia, diabetologia, dietologia e nutrizione, endocrinologia e malattie del metabolismo, ginecologia e ostetricia, medicina della riproduzione, neurologia, oncologia ginecologica, oncologia medica, pneumologia, psichiatria, reumatologia, senologia, urologia eviolenza sulla donna. Tra le strutture partecipanti, anche l’Ausl Romagna partecipa alla settimana Edizione dell’(H) Open Week, offrendo servizi gratuiti dedicati al genere femminile anche all'ospedale di Forlì, premiato con 2 Bollini Rosa. Le iniziative organizzate presso gli ospedali sono consultabili sul sito internet aziendale www.auslromagna.it/open-week-salute-donna.

Malattie reumatiche

Mercoledì 20 aprile è previsto un incontro virtuale sulla piattaforma Zoom dal titolo "Le malattie reumatiche prevalenti nella donna". Le malattie reumatiche hanno un forte impatto sulla popolazione determinando problemi al singolo paziente con ricadute sulla collettività. Alcune malattie reumatiche sono nettamente prevalenti nella donna, una diagnosi precoce e la collaborazione con gli specialisti riduce il disagio e l’impatto sulla popolazione. In occasione dell'incontro i medici reumatologi incontrano la popolazione femminile per trattare assieme il tema delle malattie reumatiche al femminile. A seguire un breve spazio per rispondere ai quesiti delle pazienti. Per partecipare consultare il sito internet: www.auslromagna.it/open-week-salute-donna.

Stili di vita

Mercoledì 20 aprile e martedì 26 aprile sono previsti colloqui telefonici individuali sui buoni stili di vita, parlandone con una dietista.Counselling nutrizionale attraverso colloquio telefonico con Dietista per problematiche nutrizionali quali: malnutrizione per eccesso (obesità) o difetto, patologie infiammatorie croniche intestinali, patologie metaboliche, patologie renali, disturbi dell’alimentazione e nutrizione. Per partecipare è richiesta la prenotazione obbligatoria chiamando il numero 0544-287399, da mercoledì 13 aprile a venerdì 15 aprile, dalle 10 alle 13, fino ad esaurimento posti. Le pazienti al momento della prenotazione dovranno segnalare che intendono partecipare all’iniziativa “Open Week Dietologia Forlì”. 

Patologie tiroidee

Giovedì 21 aprile dalle 8.30 alle 12.30 si parlerà dele patologie tiroidee sono più frequenti nelle donne che negli uomini. L'ecografia della tiroide è uno strumento molto importante per la diagnosi delle patologie tiroidee e può permettere di effettuare una diagnosi precoce. L’Unità operativa Endocrinologia e Malattie Metaboliche di Forlì aderisce all’iniziativa Open Week sulla Salute della Donna offrendo alle donne interessate la possibilità di esame ecografici gratuiti, nella giornata di giovedì 21 aprile, dalle 8.30 alle 12.30, negli ambulatori di Endocrinologia - Primo piano – Padiglione Morgagni. Per partecipare è richiesta la prenotazione obbligatoria chiamando il numero 0544-287399, da mercoledì 13 aprile a venerdì 15 aprile, dalle ore 10:00 alle ore 13:00, fino ad esaurimento posti. Le pazienti al momento della prenotazione dovranno segnalare che intendono partecipare all’iniziativa “Open Week Tiroide Forlì”. 

Banchetti informativi

In occasione della 7° Giornata nazionale della salute della donna, Onda dedicherà la settimana dal 20 al 26 aprile alle donne con l’obiettivo di promuovere l’informazione, la prevenzione e la cura al femminile. Un appuntamento per sottolineare l’importanza della prevenzione primaria, della diagnosi precoce, dell’aderenza terapeutica e facilitare l’accessibilità ai servizi, ancor più a fronte del protrarsi dell’emergenza sanitaria da pandemia Covid-19. A tal proposito l’Unità Operativa di Prevenzione Oncologica sede di Forlì, aderisce all’iniziativa nelle giornate del 20 e 21 aprile, con la distribuzione di materiale informativo da parte dei volontari del progetto Virgilio presso i locali della Prevenzione Oncologica – Piano Terra – Ingresso Padiglione Vallisneri – Ospedale di Forlì. I volontari delle tre associazioni oncologiche del territorio, Lilt Forlì Cesena, Ior e Ail Forlì Cesena che da sempre supportano il servizio fornendo accompagnamento e utili indicazioni agli utenti anche in questa occasione si faranno promotori dei valori della prevenzione. L’iniziativa si pone dunque l’importante obiettivo di sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza vitale della diagnosi precoce dei tumori della mammella, informando il pubblico femminile anche sugli stili di vita correttamente sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare.

Venerdì 22 aprile, dalle 8.30 alle 12.30, sono previsti colloqui individuali con il diabetologo. Il diabete rappresenta un’importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari; nelle donne il diabete influisce in maniera particolarmente negativa, sul rischio di coronaropatia e di ictus. La prevenzione e la diagnosi precoce di diabete sono fondamentali, al fine di poter ridurre il rischio cardiovascolare. La misurazione della glicemia su sangue capillare non è sufficiente per porre diagnosi di diabete, ma può essere utile per suggerire la necessità di effettuare ulteriori accertamenti. In occasione di questa iniziativa (H) Open Week Settimana sulla salute della donna, offrire questa opportunità è un modo per prevenire o diagnosticare precocemente questa malattia, presso ambulatorio di Servizio di Diabetologia, Padiglione Allende, 3° Piano. Per partecipare è richiesta la prenotazione obbligatoria chiamando il numero 0544-287399, da mercoledì 13 aprile a venerdì 15 aprile, dalle ore 10:00 alle ore 13:00, fino ad esaurimento posti. Le pazienti al momento della prenotazione dovranno segnalare che intendono partecipare all’iniziativa “Open Week Diabetologia Forlì”. 

Webinar e colloqui telefonici

Venerdì 22 aprile, dalle 15 alle 15,30 ci sarà un webinar dedicato al percorso di accoglienza e presa in carico in pronto soccorso delle donne che subiscono violenza di genere. La violenza contro le donne rimane tutt’oggi un fenomeno sottostimato, scarsamente riconosciuto, spesso oggetto di intolleranza ed insofferenza. I dati della Who confermati da quelli dell'Istat indicano come 1 donna su 3 faccia esperienza nel corso della propria vita di una qualche forma di violenza (fisica, sessuale, psicologica, economica) e come l'autore sia legato molto spesso alla donna da un legame affettivo. La violenza vissuta dalle donne non appartiene alla sfera delle marginalità ma si manifesta in modo trasversale senza distinzioni in relazione a classe sociale, livello culturale, etnia, religione.  

L'Oms ormai da tempo ha decretato come la violenza rappresenti un problema di salute pubblica.  Nell'ambito di tutti i Pronto Soccorso dell'Ausl Romagna (Ravenna, Lugo, Faenza, Forlì, Cesena, Rimini, Riccione), in modo uniforme, è da tempo operativa una procedura che guida il percorso di accoglienza e presa in carico in emergenza delle donne con vissuto di violenza. Nella giornata di venerdì 22 aprile, in occasione del (H)Open Week Settimana sulla Salute della Donna, sarà dedicato una breve contributo per presentare alla popolazione i passi fondamentali di questo percorso dedicato in particolare alle donne ma anche ai minori e alle persone fragili. Per partecipare consultare il sito internet: www.auslromagna.it/open-week-salute-donna. In occasione dell’(H) Open Week: Settimana sulla Salute della Donna, i professionisti di Pronto Soccorso rispondono alla cittadinanza ai quesiti sul tema della violenza sulla donna. Nella giornata di venerdì 22 aprile, dalle ore 15.00 alle ore 18.00, sarà attivo uno spazio di ascolto in anonimato, telefonando al numero 0543-735946, permetterà di richiedere informazioni sul tema. Lo spazio sarà gestito da un medico, un'infermiera e una psicologa dedicate di Pronto Soccorso. 

Sabato 23, dalle 9 alle 13, è previsto un incontro aperto con la popolazione femminile sulla piattaforma Zoom sul tema "Hpv Test e Percorso Oncoginecologico di Forlì: attività e aggiornamenti. Numerose evidenze scientifiche dimostrano quanto sia importante per la paziente Onco ginecologica affidarsi alle cure di équipe competenti in grado di interfacciarsi con le discipline sanitarie coinvolte nel trattamento delle patologie neoplastiche.  Negli ultimi 15 anni il percorso onco ginecologico dell’ospedale di Forlì si è costantemente dedicato alla cura di queste patologie con l’intento di garantire appropriatezza e competenza. L’incontro ha lo scopo di fornire informazioni sulle attività svolte in tale ambito, sui fattori di rischio in grado di favorire lo sviluppo dei tumori ginecologici, sulla corretta prevenzione delle neoplasie femminili e sul riconoscimento di centro di riferimento per la cura delle neoplasie ovariche in Romagna. Sarà inoltre possibile chiarire il ruolo dell’HPV nello sviluppo del carcinoma cervicale, l’importanza del vaccino HPV e dello screening per la prevenzione di questo tumore
Sabato 23 aprile, dalle 9.00 alle 13.00, incontro aperto con la popolazione femminile sulla piattaforma Zoom. Per partecipare alla diretta Zoom consultare il sito internet: www.auslromagna.it/open-week-salute-donna.

In Italia

All’edizione 2021 hanno aderito 182 ospedali, che hanno erogato complessivamente 8.000 servizi, tra visite, esami strumentali, consulenze e incontri aperti ai cittadini in presenza e virtuali.  “Con questa settima edizione di Open week che vanta il patrocinio di 18 società scientifiche, Fondazione Onda rinnova il suo impegno nei confronti della salute della donna iniziato quando l’allora Ministro della Salute Beatrice Lorenzin istituì la giornata dedicata alla salute femminile”, commenta Francesca Merzagora, Presidente Fondazione Onda. “Quest’anno sono oltre 270 gli ospedali aderenti che offriranno dal 20 al 26 aprile servizi diagnostici, terapeutici, attività informative, convegni e altro ancora per avvicinare la popolazione femminile a diagnosi sempre più precoci e a percorsi di cura personalizzati. Il post Covid mette in evidenza l’entusiasmo dei nostri Bollini Rosa nel riprendere tutte le attività forzatamente lasciate in secondo piano in questi ultimi due anni di pandemia”

Fondazione Onda, dal 2007 attribuisce agli ospedali che erogano servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili il riconoscimento dei Bollini Rosa; il network, composto da 354 ospedali dislocati sul territorio nazionale, sostiene Fondazione Onda nel promuovere, anche all’interno degli ospedali, un approccio “di genere” nella definizione e nella programmazione strategica dei servizi clinico-assistenziali, indispensabile per garantire il diritto alla salute non solo delle donne ma anche degli uomini. L’iniziativa è realizzata con il patrocinio di Associazione Medici Diabetologi (Amd), Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi), Aps Senonetwork Italia, Società Italiana di Diabetologia (Sid), Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (Sidemast), Società Italiana di Endocrinologia (Sie), Società Italiana di Fertilità (Sifes) e Medicina della Riproduzione (Mr), Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (Sigo), Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa (Siia), Società Italiana di Neurologia (Sin), Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia (Sinpf), Società Italiana di Nutrizione Umana (Sinu), Società Italiana dell’Obesità (Sio) Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (Siommms), Società Italiana di Pneumologia (Sip), Società Italiana di Psichiatria (Sip), Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (Siprec) e Società Italiana di Urodinamica (Siud) e con il contributo incondizionato di Exact Sciences, Farmacie Apoteca Natura, Hologic, Lundbeck, Prodeco Pharma e Wave Pharma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diagnostica e incontri: al "Morgagni-Pierantoni" una settimana sulla salute della donna

ForlìToday è in caricamento