menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una squadra speciale per risolvere le complessità emerse dal percorso nascita

Avviata nel 2008, in questi cinque anni l’équipe ha conosciuto un costante incremento delle attività, soprattutto nell’ultimo periodo: rispetto alla media delle situazioni prese in esame nel periodo 2008-2011, pari a 27 l’anno, nel 2012 i casi considerati sono stati ben 44, con un aumento quasi del 70%

Difficoltà economiche oppure di ordine abitativo della madre o della coppia, scompensi psicologici gravi e acuti in prossimità del parto o nel post-partum, situazioni di particolare fragilità e disagio della donna. In tutti questi casi scende in campo l’Équipe Multidisciplinare in ambito materno - infantile (EMD), “squadra speciale” che, attraverso la stretta integrazione fra i diversi servizi coinvolti nel Percorso Nascita (Dipartimento Materno-Infantile, Consultorio, Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche, Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Dipartimento di Cure Primarie dell’Ausl di Forlì, Servizio Sociale e Centro Famiglie del Comune di Forlì) si propone di risolvere le situazioni più problematiche, dal punto di vista socio-sanitario, rilevate nel corso e dopo la gravidanza.

Avviata nel 2008, in questi cinque anni l’équipe ha conosciuto un costante incremento delle attività, soprattutto nell’ultimo periodo: rispetto alla media delle situazioni prese in esame nel periodo 2008-2011, pari a 27 l’anno, nel 2012 i casi considerati sono stati ben 44, con un aumento quasi del 70%. Tale incremento, se è riconducibile alla crescente attenzione degli operatori dei diversi servizi nel cogliere bisogni e fragilità, dipende in buona parte dall’attuale fase di crisi economica, che ha acuito il disagio socio-sanitario di un’ampia fascia di popolazione, rendendola più vulnerabile sotto diversi aspetti, con crolli a livello psicologico, condotte antisociali, trascuratezza e negligenza, incapacità di accudimento dei figli, episodi di maltrattamento nella coppia. Parallelamente, nel corso degli anni l’équipe è anche divenuta strumento di crescita e punto di riferimento per gli stessi operatori, poiché consente di affrontare collegialmente le situazioni più complesse e la percezione di solitudine, condividendo progettualità, verifiche e responsabilità.

Complessivamente, sono stati 156 i casi discussi dal 2008 al 2012, di cui 144 (92%) poi presi in carico da uno o più servizi dell’équipe: la maggior parte ha riguardato problematiche sanitarie della madre (51%) e di natura sociale (36%), mentre nel 13% si è trattato di problemi di salute del bambino. Nel rimanente 8%, si è ritenuto di adottare un approccio osservativo, non ravvisando elementi di rischio tali da richiedere interventi mirati. Le segnalazioni sono venute soprattutto da operatori di area sanitaria - Servizi ostetrici, Neonatologia-Pediatria, Sert, Centro Salute Mentale - con un andamento crescente, al punto che nel 2012 tali segnalazioni hanno rappresentato il 70% del totale. Ostetriche e ginecologi del Consultorio Salute Donna e dell’U.O. di Ostetricia rappresentano, d’altronde, anche grazie a molteplici iniziative di formazione comune, il primo filtro in grado di valutare i fattori di rischio psico-sociale e i segni di disagio materno, definendone il livello di gravità.

Ciò conferma la gravidanza come importante finestra di osservazione sulle fragilità e il disagio della donna e del suo nucleo familiare: non raramente emergono vissuti di tossicodipendenza, patologia psichiatrica o condizioni sociali gravemente compromesse, al punto da rendere necessaria l’attivazione di visite domiciliari ostetriche e a carattere socio-educativo per mantenere un’osservazione e un sostegno dopo la dimissione, oltre al costante coinvolgimento del pediatra di famiglia. Per ogni situazione presentata si è definito un progetto che indica gli elementi di fragilità ma anche le risorse della donna o del nucleo, per limitare le prime e sostenere le seconde, ricercando nella rete amicale e familiare, oltre che nei servizi, ulteriori supporti.

Per quanto riguarda la frequenza con cui i diversi servizi sono stati coinvolti, il Servizio sociale si è attivato nell’88% dei casi, e il Dipartimento di Salute Mentale nel 33%. Il Servizio sociale si è fatto carico delle problematiche relative alle competenze genitoriali, alle difficoltà organizzative e di reddito (con assegno di maternità, contributi per latte e pannolini…), investendo verso interventi di supporto educativo, ricercando, ove possibile, il coinvolgimento della neo-madre nelle azioni di supporto alla neogenitorialità offerte dal Centro Famiglie - sia individuali che di gruppo - o optando per l’inserimento della coppia madre-bambino in Comunità o Case Famiglia (soluzione verificatasi in 22 situazioni molto complesse, pari al 14%, con il consenso dei genitori).

Il Dipartimento di Salute Mentale, invece, è intervenuto su più livelli: da un lato l’accompagnamento psicologico ha valutato la sintomatologia depressiva, l’attaccamento madre-bambino e la relazione di coppia, dall’altro l’intervento psichiatrico ha garantito, anche dopo la dimissione, la continuità assistenziale nella progettualità di tutela madre-bambino nel caso di scompensi gravi e acuti in prossimità del parto o del post-partum. I disturbi della sfera psichica hanno costituito motivo d’intervento per i servizi di Psicologia e/o Psichiatria in circa un terzo dei casi, con evidente incremento negli ultimi due anni. Le “dimissioni in ambito protetto” hanno riguardato, infine, quelle situazioni che richiedevano una maggior tutela e protezione per il neonato.

Non è dunque un caso che, considerando i cinque servizi coinvolti in più del 10% delle situazioni, il maggior incremento, in questi cinque anni, abbia interessato il Dipartimento di Salute Mentale, i Servizi Sociali e le strutture di comunità. A testimonianza dell’importanza dell’interdisciplinarietà, la gestione delle situazioni prese in carico dall’équipe ha richiesto in diverse occasioni la collaborazione di più di un servizio socio-sanitario: solo nel 38% dei casi si è attivato un unico soggetto, mentre sono stati coinvolti due, tre e più servizi rispettivamente nel 38%, 17% e 7%.

Grazie al lavoro dell’EMD è stato possibile prevedere eventi e bisogni, pianificando gli interventi prima del parto. In questo modo, si è riusciti ad affrontare situazioni di importante disagio emerse durante la gravidanza, attraverso l’attivazione in maniera sinergica delle risorse presenti sul territorio afferenti all’area sanitaria, socio-educativa e del Terzo settore. Raccogliere in forma strutturata intorno a un tavolo tutte queste singole componenti ha consentito, insomma, di rispondere in maniera articolata a una grande varietà e complessità di bisogni, garantendo la continuità assistenziale e l’accompagnamento nei passaggi territorio-ospedale-territorio-domicilio, coordinando gli interventi e monitorandone gli esiti. E’ evidente, infine, che l’attenzione rivolta alla donna durante la gravidanza e nel post-nascita significa una maggiore tutela per il minore, a tutela del diritto di ogni bambino/a a crescere in un contesto sano e protetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento