menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una statua per Filippo Corridoni: l'Ugl lancia un concorso ed una raccolta fondi

Una statua per Filippo Corridoni a Forlì: l’Ugl lancia un concorso aperto a tutti gli artisti d’Italia ed una raccolta fondi con campagna di crowdfunding

L’Ugl di Forlì-Cesena-Rimini-Ravenna avvia un anno di celebrazioni, che si concluderà nell'ottobre 2020, dedicate a Filippo Corridoni, padre fondatore del cosiddetto "sindacalismo rivoluzionario italiano", figura eroica di patriota e volontario nella Grande Guerra, caduto sul Carso sotto il fuoco degli austriaci, medaglia d’oro al valor militare.  "A 104 anni dalla sua morte e nel 132esimo anno dalla sua nascita ricorderemo FCorridoni, che in opere e ideali ha ispirato fin dalla sua nascita prima la Cisnal e poi l’Ugl, con una serie di iniziative", afferma Filippo Lo Giudice, segretario generale dell’Utl Ugl di Forlì-Cesena-Rimini-Ravenna

La prima commemorazione è avvenuta mercoledì con un omaggio sotto la targa stradale che porta il suo nome. L'Ugl lancia un concorso di idee che sarà sostenuto da una campagna di crowdfunding  er raccogliere i fondi necessari a realizzare a Forlì un'opera d'arte (una statua, una targa o un bassorilievo) che possa perpetuare a futura memoria la figura di Corridoni anche nella città mercuriale.

“Sarà costituito un bando, un vero e proprio concorso, aperto  a tutti gli artisti d’Italia e una giuria d’onore, presieduta da un’autorevole personalità di alto spessore culturale, selezionerà l’opera migliore che sarà collocata in un luogo consono della città di Forlì - spiega Lo Giudice -. Alla giunta comunale chiederemo soltanto che conceda il patrocinio e che autorizzi la sistemazione dell’opera d’arte vincitrice in un luogo significativo della nostra città, entro le antiche mura, in uno spazio accessibile a tutti i cittadini. Una piazza , un’area verde o una corte di un palazzo pubblico prestigioso, piuttosto che un’anonima via di scorrimento per automezzi".

"Corridoni è figura purtroppo spesso dimenticata o ricordata soltanto perché a lui sono intitolate piazze, scuole, vie e viali in molte città d’Italia – ed anche a Forlì -  mentre della storia della sua eroica e tumultuosa vita, dei suoi ideali, e della sua azione sindacale pochi ne sono realmente a conoscenza - aggiunge  Cristian D’Aiello, segretario provinciale Ugl Giovani di Forlì-Cesena, che per primo ha lanciato l’idea di ricordare il “sindacalista martire” -. Come sindacato che alle sue idee, ci ispiriamo abbiamo deciso di a cavallo del 105° anniversario della sua morte di programmare un anno di attività".

Il programma delle celebrazioni dedicate a Corridoni proseguirà nel corso del 2020 con un convegno, con incontri di studio aperti al pubblico ed agli iscritti e simpatizzanti dell’Ugl ed è previsto anche un gemellaggio con l’unione territoriale dell’Ugl di Corridonia, l’antica città di Pausula, il comune italiano in provincia di Macerata, che gli diede i natali. "E’ il nostro modo di ricordare alla comunità ed ai lavoratori tutti che oltre alla tutela del lavoro, della difesa dei diritti dei lavoratori – che sono la nostra missione ogni giorno e abbiamo dimostrato di saperlo fare con forza e buoni risultati - contano anche la difesa dei valori irrinunciabili e la tutela della dignità, della storia e della cultura di un popolo, il nostro popolo", chiosa Lo Giudice.

"La presenza di una semplice dicitura toponomastica ci induce a voler pensare in grande, a quel “andare più avanti ancora” di corridoniana memoria, dimostrando una consolidata maturità del nostro movimento che abbraccia tutta la città, tutte le energie intellettuali e produttive", conclude il segretario provinciale Ugl Giovani di Forlì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento