menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università, dodici professionisti Irst ammessi a due eccellenti dottorati di ricerca

I due dottorati saranno fondamentali per ampliare le conoscenze dei professionisti

Sono ben dodici, fra medici e ricercatori dell’Istituto Tumori della Romagna (Irst) Irccs, ad aver superato il concorso selettivo e ad essere stati ammessi al 35esimo ciclo dei dottorati intersettoriali in Oncologia, Ematologia e Patologia e in Scienze Biomediche e Neuromotorie dell’Università di Bologna. I due dottorati saranno fondamentali per ampliare le conoscenze dei professionisti fornendo loro strumenti e conoscenze avanzate rispettivamente sulla ricerca scientifica, principalmente quella traslazionale, e in campo di biologia cellulare a 360 gradi; inoltre potranno frequentare seminari di alto profilo scientifico con ricercatori di fama internazionale, inclusi premi Nobel e approfondire le proprie competenze trascorrendo un periodo all’estero in Università e laboratori di ricerca di particolare rilevanza.

 “È un onore per il nostro Istituto - dichiara Giovanni Martinelli, direttore scientifico Irst Irccs - vedere tutti i nostri professionisti che hanno partecipato alla selezione, essere ammessi a questi due eccellenti dottorati superando una prova affatto facile. È per noi un segno importante che attesta come i nostri ricercatori abbiano le qualità e la formazione per ambire a dottorati di questo tipo ma, allo stesso tempo, che la possibilità di fare ricerca in Irst è reale e gratificante. L’Istituto sarà, infatti, una delle sedi in cui i dottorandi potranno svolgere attività di ricerca durante questo percorso formativo, progetti che daranno certamente un grande contributo agli studi sul cancro e apriranno nuove possibilità terapeutiche per i nostri pazienti".

"La maggior parte di questi progetti è fortemente innovativa e competitiva e sono certo che porterà a una notevole produzione scientifica e a brevetti utili non solo all’Università ma anche all’Irst stesso - continua Martinelli -. Inoltre, questa non solo sarà occasione per consolidare la stretta collaborazione già in essere tra l’Università di Bologna e il nostro Istituto, ma potrebbe rappresentare anche un viatico per creare ulteriori collaborazioni con altre Università, aprendo le porte dei nostri laboratori e mettendo a disposizione di tutti i ricercatori dottorandi le nostre attrezzature d’avanguardia".

I professionisti Irst risultati idonei sono Martine Bocchini, Matteo Canale, Claudia Cocchi, Alberto Farolfi, Lorena Gurrieri, Laura Matteucci, Manlio Monti, Ilario Giovanni Rapposelli, Federica Recine, Sofia Battisti, Marianna Ricci e Martina Valgiusti .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento