Vaccinazioni, Predappio risponde presente: in centinaia al teatro, dosi già esaurite

Attraverso un'informativa comunicata su Facebook, il Comune annuncia che la campagna antinfluenzale riprenderà nei prossimi giorni

Terminate a Predappio le prime dosi di vaccino a disposizione dei medici di base. Attraverso un'informativa comunicata su Facebook, il Comune annuncia che la campagna antinfluenzale riprenderà mercoledì 21 ottobre quando saranno di nuovo disponibili i vaccini forniti dall'Ausl. Sono centinaia e centinaia i cittadini che hanno deciso di ricorrere alla vaccinazione, raccogliendo così l'appello dell'Ausl. Tali vengono svolte al teatro comunale e alla sala Europa di via Marconi, tutti i giorni dalle 16 alle 19 e il martedì anche al mattino dalle 9 alle 12. Non è necessaria la prenotazione. "Non farti influenzare. Vaccinati e proteggi la salute di tutti", è il titolo della campagna influenzale 2020-2021 del Comune di Predappio.

L'Ausl ricorda inoltre che "la vaccinazione può essere efficacemente effettuata fino alla fine dell’anno e che non c’è alcun vantaggio ad effettuarla molto precocemente, né pericolo di rimanere senza vaccino. Inoltre, per garantire una quota di vaccino antinfluenzale anche per il canale delle “farmacie convenzionate”, per i cittadini che non appartengono alle categorie a rischio, la Regione ha liberato una frazione dei quantitativi previsti nel contratto di acquisto regionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento