Cronaca

Vaccini di massa, i cinema ci stanno: "Abbiamo spazi grandi, ma siamo preoccupati per il nostro destino"

Paganelli gestisce ben cinque sale cinematografiche: l'Aladdin di Cesena, il Cineflash di Forlimpopoli, l'Astoria, il Saffi di Forlì e una sala a Ferrara

Maurizio Paganelli

"Non so esattamente a chi fare la proposta ma anch'io volentieri metto a disposizione le mie sale cinematografiche per essere utilizzate per le vaccinazioni". Dopo la proposta, a livello nazionale, di Uci Cinema e Oriocenter, anche il cesenate Maurizio Paganelli, chiamato da Forlìtoday, dà la sua disponibilità a collaborare con la campagna di vaccinazione. Paganelli gestisce ben cinque sale cinematografiche: l'Aladdin di Cesena, il Cineflash di Forlimpopoli, l'Astoria, il Saffi di Forlì e una sala a Ferrara. E tutte sarebbero spazi adeguati per svolgere una vaccinazione di massa che prevede l'impiego di molto personale e di altrettanti pazienti.

Nell'attesa di aprire i cinema, e sperando che sia prima possibile, anche la proprietaria dell'Eliseo a Cesena ci sta. "La nostra speranza, ovviamente, è quella di aprire nuovamente le sale - spiega Francesca Piraccini della multisala davanti alla Barriera - ma nel frattempo se possiamo essere utili in qualche altro modo volentieri. Noi, tra l'altro, essendo cinema, abbiamo una potenza elettrica di 90 kw, indispensabile per far funzionare le celle frigorifere e mantenere i vaccini. Gli spazi sono grandi, le entrate e le uscite divise. Ragion per cui, se dovesse esserci bisogno, noi ci siamo".

Nel frattempo la situazione che riguarda le sale cinematografiche è simile a quella dei locali da ballo e dalle sale da concerto. Fermi da mesi e mesi, anche se dovessero ripartire in estate saranno pochissimi i film prodotti che potranno girare. "Sono molto preoccupato - conferma Paganelli dell'Aladdin - Nessuno parla di noi. Si parla di Sanremo e di figuranti, ma non di noi... E pensare che dietro alla filiera del cinema ci sono migliaia di lavoratori che hanno perso il lavoro e la cassa integrazione arriva a singhiozzo. E' un vero problema e, mi tocca dire, nessun al governo lo sta affrontando come si dovrebbe". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini di massa, i cinema ci stanno: "Abbiamo spazi grandi, ma siamo preoccupati per il nostro destino"

ForlìToday è in caricamento