menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Svastiche e scritte naziste sui muri della scuola subito pulite: sulla stupidità vince il senso civico dei genitori

Domenica nella tarda mattinata sono stati informati gli agenti della Polizia Locale, che sono intervenuti per effettuare i rilievi fotografici e l'avvio delle prime indagini per individuare gli autori del gesto

Ignoti vandali hanno deturpato l'ingresso della scuola elementare di Carpinello, nella notte tra sabato e domenica, riempiendo cancellate, la targa all'ingresso, cartelli, muri e altri manufatti di scritte col pennarello nero e soprattutto tante svastiche. Nonostante il tono inneggiante chiaramente a Mussolini, Hitler e alla segregazione razziale, più che un'azione connotata politicamente, si ritiene che si sia trattata di una stupida “bravata” di qualche giovane nel corso del weekend, lo si deduce della frettolosità delle scritte, alcuni messaggi canzonatori e l'uso di un pennarello e non lo spray. Resta la sgradevolezza delle scritte e del loro tenore in un luogo frequentato da bambini.

Domenica nella tarda mattinata sono stati informati gli agenti della Polizia Locale, che sono intervenuti per effettuare i rilievi fotografici e l'avvio delle prime indagini per individuare gli autori del gesto. E' stato quindi tempestivamente informato il Comune per l'avvio delle operazioni di pulizia. Ancora prima dell'intervento comunale, a ripristinare i luoghi, ci hanno pensato però i genitori dei bambini frequentanti l'istituto scolastico, che hanno operato domenica pomeriggio, così da non far vedere le scritte già il lunedì mattina. Anche il personale della scuola ha collaborato. Un senso civico di base a tutela dei beni comuni che, più di tante parole, contrasta la stupidità di chi “maneggia” l'armamentario verbale di fasi storiche tragiche, la cui lezione evidentemente non è stata assimilata bene a scuola.

Sul caso interviene anche la coordinatrice del comitato genitori delle scuole di Carpinello il Platano e Lamberto Valli, Sara Briccolani, che con altre mamme e altri papà ha rimosso le svastiche e le scritte naziste: “Per prima cosa voglio ringraziare tutti quei genitori che ieri pomeriggio, nonostante fosse domenica, si sono affrettati a ripulire, a proprie spese, l’intero perimetro della scuola. Grazie al loro tempestivo intervento e a quello dei collaboratori scolastici, è stato possibile ripristinare lo stato originario dei luoghi nell’arco di una giornata, garantendo il normale ingresso degli studenti già lunedì mattina”. Ed ancora: "E' chiaro che le persone responsabili di questo vile gesto non solo non hanno argomenti, ma sono totalmente prive di senso civico e di educazione. Di fronte a episodi di inciviltà e violenza verbale, è nostro dovere, come cittadini, rispondere con fermezza e decisione. Quello che hanno fatto i genitori delle scuole di Carpinello il Platano e L. Valli non è altro che il dovere di un cittadino rispetto al patrimonio di una comunità che, per quanto possibile, va difeso e tutelato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento