Cronaca

Terza incursione dei vandali in meno di un anno contro il Ponte Rabbi

E' il terzo raid in meno di un anno contro il Ponte Rabbi, la storica struttura, ora ciclo-pedonale, che un tempo univa Forlì con la campagna e le prime colline di Vecchiazzano

E' il terzo raid in meno di un anno contro il Ponte Rabbi, la storica struttura, ora ciclo-pedonale, che un tempo univa Forlì con la campagna e le prime colline di Vecchiazzano tra il fiume Rabbi e Montone. Ad essere stata vandalizzata, del suggestivo percorso che interconnette la città e l'ospedale, è la stessa parte del ponte che era stata oggetto di pulizia straordinaria non più di due mesi fa. Ignoti con una vernice nera, dello stesso colore delle incursioni precedenti, e scritte dello stesso tenore hanno così deturpato le spalle semicircolari in mattoni che danno accesso al ponte. L'incursione è stata siglata con la A nel cerchio degli anarchici. 

Nel mese di febbraio il Comune aveva provveduto alla pulizia di altre scritte nello stesso punto, quella volta inneggianti al negazionismo del Coronavirus, non senza bacchettata del sindaco contro il mancato rispetto dei beni comuni. Terza incursione, anche in questo caso con vernice nera e scritte siglate dalla 'A' degli anarchici, con scritte relative alla morte di George Perris Floyd in America. Anche all'epoca, nel giugno dell'anno scorso,  il Comune aveva provveduto alla rimozione delle scritte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terza incursione dei vandali in meno di un anno contro il Ponte Rabbi

ForlìToday è in caricamento