Venerdì, 15 Ottobre 2021
Cronaca Meldola

Sicurezza stradale, altre tre colonnine arancioni: nuovi "Velo Ok" sulla Bidentina

L'intervento si inserisce all'interno di un progetto di sicurezza urbana più ampio volto alla riduzione degli incidenti stradali ed a tutela dei residenti

Si è conclusa a Meldola l'installazione di altri tre "Velo Ok" a protezione di due tratti urbani pericolosi sulle strade provinciali 4 “Bidentina” e 48 Via Sbaraglio. Si tratta di colonnine arancioni per il rilevamento della velocità che funzionano quando viene installato al loro interno dalla Polizia Locale un autovelox mobile. Nello specifico due “Velo Ok” sono stati installati agli ingressi dell'abitato della Frazione di Gualdo. Il terzo “Velo Ok” è stato posizionato a Meldola, nel tratto urbano della strada provinciale SP48 nel primo tratto rettilineo di Via Sbaraglio.

La collocazione, autorizzata dalla Provincia, è stata effettuata in collaborazione alle forze dell'ordine ed alla Polizia Locale. "L'amministrazione comunale, viste le numerose segnalazioni e richieste dei residenti e viste le alte velocità di percorrenza riscontrate dalla Polizia Locale in diverse rilevazioni nel corso dell'ultimo anno, ha ritenuto necessario implementare, a proprie spese, queste misure di dissuasione e di accertamento della velocità", spiegano il sindaco Roberto Cavallucci e l'assessore ai Lavori Pubblici Filippo Santolini.

Gli amministratori esprimono "grande soddisfazione" per l’istallazione di questi ulteriori tre “Velo Ok”: "Riteniamo che queste colonnine avranno l’effetto di ridurre la velocità dei mezzi in transito e di conseguenza il rischio di incidentalità in questi tratti stradali urbani spesso percorsi dai nostri bambini per andare a scuola - concludono -. L'intervento si inserisce all'interno di un progetto di sicurezza urbana più ampio volto alla riduzione degli incidenti stradali ed a tutela dei residenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza stradale, altre tre colonnine arancioni: nuovi "Velo Ok" sulla Bidentina

ForlìToday è in caricamento