Venturi contro i supermercati: "Molta gente ha difficoltà a fare la spesa, aumentino le consegne a domicilio"

Le catene dei supermercati aumentino i servizi di consegna a domicilio, anche assumendo personale ad hoc. E' la richiesta che viene dal commissario ad acta della Regione Sergio Venturi

Le catene dei supermercati aumentino i servizi di consegna a domicilio, anche assumendo personale ad hoc. E' la richeista che viene dal commissario ad acta della Regione Sergio Venturi. Nella conferenza stampa in diretta Facebook, Venturi spiega di aver ricevuto moltissime sollecitazioni di cittadini a riguardo. Dice Venturi: “In diversi segnalano che le catene di supermercati non ci agevolano, nella nostra "reclusione". Allora chiedo se fosse possibile incrementare le consegne a domicilio della spesa, visto che ci sono disoccupati in giro, oppure fare accordi con i taxisti, per portare la spesa a casa, era possibile prima non capisco perché non sia possibile ora”.

Sempre Venturi: “I supermercati mi spieghino perché non si può fare, così posso rispondere alla centinaia di persone che me lo chiedono. Mi rendo conto che ci sono tante persone, come per esempio chi ha bambini piccoli a casa, e non fanno molta fatica a fare la spesa, anche perché ora bisogna anche fare lunghe file per entrare. Se poi non si può fare sarò il primo a spiegarlo ai cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resterà arancione. "Lunedì superiori aperte, ma rischiamo il rosso"

  • Vincono online centinaia di migliaia di euro: si dichiarano poveri e percepiscono il reddito di cittadinanza, denunciati

  • Guasto al congelatore dell'ospedale, andate perse 800 dosi del vaccino stoccato a Forlì

  • Coronavirus, palestre ancora chiuse. "Contagi ancora alti. La riapertura è lontana"

  • Jovanotti e la lunga battaglia della figlia Teresa contro il cancro: "E' stata pazzesca"

  • Riapre per pochi giorni il temporary outlet di Flamigni per vendere le scorte di panettoni e pandori

Torna su
ForlìToday è in caricamento