rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca

Verde, appalto in ritardo sui tempi della natura: il Comune ci mette una toppa per i primi sfalci

Il ritardato avvio del servizio per le annualità 2019-2020-2021-2022 comporterà di conseguenza una riduzione della spesa relativa all'anno 2019

La procedura per affidare il servizio quadriennale della cura del verde pubblico va troppo per le lunghe e non finirà in tempo per la primavera, quando all'improvviso - con le prime piogge primaverili - l'erba crescerà all'improvviso rendendo i parchi pubblici delle selve da sfalciare poco alla volta. Per questo il Comune di Forlì corre per prevenire i disagi e ha approvato in giunta un bando più "snello" di 275mila euro di importo, per coprire i circa due mesi che resteranno scoperti dal servizio, due mesi però cruciali perché è il momento in cui i mancati sfalci creano le maggiori proteste, con i cittadini che tornano a fruire in massa del verde pubblico.

La questione viene messa nero su bianco in delibera, in cui viene approvato il progetto per il servizio di gestione primaverile del verde pubblico del Comune di Forlì, redatto dal Servizio infrastrutture, mobilità, verde ed arredo urbano. L'importo complessivo è di 275mila euro. Nella delibera di giunta viene ricordato che il 29 ottobre scorso è stato pubblicato il bando di gara, stabilendo nella data del 17 dicembre il termine ultimo entro il quale presentare le offerte. L'indomani sono stati avviati i lavori della Commissione per la fase di ammissibilità, durante la quale, viene spiegato, "si è ritenuto necessario effettuare alcuni approfondimenti tecnico-giuridici che hanno comportato uno slittamento dei tempi di svolgimento della procedura di gara". Il 5 febbraio si è conclusa la fase di ammissibilità dei concorrenti partecipanti alla gara. "I tempi per la conclusione della procedura di gara non consentiranno l'avvio del servizio di sfalcio delle aree verdi nella stagione primaverile 2019", viene aggiunto.

"E' un bando molto complesso, con un importo di 1,4 milioni di euro all'anno per quattro anni, in cui non abbiamo scelto il massimo ribasso e abbiamo inserito una serie di prescrizioni nuove rispetto ai bandi precedenti - spiega l'assessore all'Ambiente William Sanzani -. Tra i vari requisiti la richiesta di avere automezzi geolocalizzabili e un numero congruo di dipendenti". Il bando prevede 4 sfalci nelle aree pubbliche e 6 nelle aree delle scuole. Le procedure tecniche, però, non si sono sincronizzate sui tempi della natura e si rischia che l'erba cresca fino al ginocchio nei parchi pubblici prima che si definisca un vincitore del bando. "Per questo abbiamo scelto una procedura più veloce per effettuare il primo sfalcio della primavera, non ci saranno costi in più dato che i 275mila euro saranno defalcati dall'importo complessivo previsto dal bando per il 2019, rileva l'assessore.

"In attesa del perfezionamento della gara - viene illustrato nella delibera per l'aggiudicazione del servizio di gestione cura e coltivazione del verde pubblico del Comune di Forlì per le annualità 2019-2020-2021-2022, occorre pertanto procedere con urgenza ad affidamento transitorio delle attività di manutenzione che copra almeno il periodo primaverile dell'anno in corso". Nella delibera viene specificato che "il lungo iter procedurale della gara d'appalto di gestione cura e coltivazione del verde del Comune di Forlì può comportare per oltre due mesi l'assenza di un operatore che effettui la manutenzione del verde con rischi per l'incolumità pubblica ed il decoro della città". Ma intanto il Comune ci ha messo una toppa.

"Voglio inoltre aggiungere che il bando prevede un risparmio di risorse, dato che gli affidamenti precedenti erano da 1,8 milioni di euro l'anno. Cerchiamo quindi di razionalizzare i costi pur mantenendo lo standard dei servizi", conclude Sanzani. I motivi del ritardo? "Diverse procedure, tra cui il subentro il 1 gennaio del nuovo dirigente sel servizio viabilità a cui quest'anno è stata affidata la gestione del bando. Il servizio delle strade, infatti, ha più conoscenza della rete viaria della città, dove si trova il verde pubblico e quindi può operare meglio i controlli".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verde, appalto in ritardo sui tempi della natura: il Comune ci mette una toppa per i primi sfalci

ForlìToday è in caricamento