menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via libera all'ammodernamento della sciovia 'Monte Falco' in Campigna

E’ stato approvato recentemente dalla Giunta Provinciale il progetto definitivo di ammodernamento della sciovia “Monte Falco” che si trova nel comprensorio sciistico di Campigna

E’ stato approvato recentemente dalla Giunta Provinciale il progetto definitivo di ammodernamento della sciovia “Monte Falco” che si trova nel comprensorio sciistico di Campigna. I lavori di straordinaria manutenzione all’impianto, funzionale a due piste di discesa, mirano ad innalzare il livello di sicurezza e di comfort dell’area sportiva. L’importo complessivo dei lavori è di 244.200 euro, di cui 18.152 euro già spesi per la revisione speciale venticinquennale dell’impianto.

I fondi arrivano per  97.438 euro dalla Regione, per 88.057 euro dalla Provincia di Forlì-Cesena, per 35.223 euro dal Comune di Santa Sofia e per 23.481 euro dalla Comunità Montana ‘Appennino Forlivese’. Con l’approvazione del progetto definitivo vengono avviate le procedure per il bando di gara e la successiva assegnazione dei lavori. L'intervento prevede una serie di lavori urgenti per il miglioramento del livello di sicurezza dell’impianto e funzionali al rinnovo della sua vita tecnica, in particolare per quanto riguarda i dispositivi di emergenza, l’impianto elettrico, il motore e i dispositivi di traino.

Accanto a questi lavori, infine, vengono finanziati, con un’ulteriore delibera, altri interventi di straordinaria manutenzione, in questo caso all’impianto di risalita con tappeto mobile già esistente del campo scuola sci, per un importo 36.960 euro, anche in questo caso finanziati da Regione, Provincia, Comune di Santa Sofia e Comunità Montana. Il comprensorio sciistico di Campigna è ubicato nella parte alta del versante nord di Monte Falco ed è composto da due piste da sci da discesa servite da un unico impianto di risalita (sciovia LS 43 – Montefalco), un capo scuola e un anello per sci da fondo, oltre ovviamente a numerosi percorsi non attrezzati per sci escursionistico o ciaspole.
 
Il progetto rientra tra gli interventi per la qualificazione delle stazioni invernali e del sistema sciistico della Regione Emilia Romagna e si aggiunge al “pacchetto” da 230.000 euro di risorse finanziarie per il recupero dello chalet La Burraia, la realizzazione di un percorso escursionistico per le ciaspole di fianco alla pista da fondo “Le Rondinaie” e il miglioramento del campo scuola sci in località Pian dei Fangacci mediante la realizzazione di un impianto per la produzione di “neve programmata”, opere in gran parte già avviate. Tutta l’attività progettuale è coordinata dal servizio Agricoltura della Provincia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento