menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viaggio tra le vigne per l'assessore provinciale Bagnara

L'assessore provinciale alle Politiche agro-alimentari Gian Luca Bagnara sarà presente, per illustrare le eccellenze del territorio, alla visita "Viaggio nei vigneti"

L’assessore provinciale alle Politiche agro-alimentari Gian Luca Bagnara sarà presente, per illustrare le eccellenze del territorio, alla visita “Viaggio nei vigneti (e nei vini) delle Marche e della Romagna”, che vedrà la partecipazione di ben 44 tra produttori, agronomi, liberi professionisti, esperti e rappresentanti delle associazioni agricole del Piemonte (in particolare dell’area delle Langhe) e della Lombardia (Oltrepò Pavese).
 
Dopo una tappa in provincia di Ancona, il gruppo si fermerà nel territorio forlivese per due giorni. Il programma della visita, organizzata da Dow AgroSciences, si snoda tra mercoledì 29 e giovedì 30 giugno. Saranno visitate quattro aziende vinicole, tutte con specifiche peculiarità: la Inf a Castrocaro Terme – Terra del Sole (di proprietà delle Assicurazioni Generali, con produzioni molto avanzate sul profilo tecnico);  la “Villa Bagnolo”, sempre a Castrocaro – Terra del Sole (con la presentazione del “Progetto Giove”, un blend realizzato dai 35 migliori sangiovesi superiori); la “Campo del Sole” di Bertinoro  (per il binomio intrattenimento e degustazioni della manifestazione ‘Cinema Divino’). Giovedì 30 giugno, infine, sarà visitata l’azienda vitivinicola Condè di Fiumana di Predappio (con la presentazione di un modo peculiare di commercializzare il vino, esclusivamente tramite consegne dirette). L’assessore provinciale all’Agricoltura, Gianluca Bagnara presenterà agli ospiti le specificità del territorio provinciale e i dati economici del settore vinicolo locale.
 

Commenta l’assessore Bagnara: “Ci fa piacere che tecnici di un territorio blasonato per il vino vengano qui a studiare il modello della Romagna. Il modello che stiamo costruendo è quello della filiera integrata, che colleghi la produzione ai mercati internazionali. E’ questo l’aspetto innovativo che dal Nord Italia vogliono studiare, assieme alla revisione dei disciplinari Doc, già rivisti con l’ ente di tutela vini. Ad esempio, non ci sarà più il Sangiovese di Romagna, ma il Romagna Sangiovese, anche per valorizzare il collegamento dell’intera filiera col territorio”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento