menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nei giorni del coronavirus un video per diffondere la "Speranza": a cantarla sono mille bambini

Prossimamente uscirà un cortometraggio che racconterà lo svolgersi del progetto con interviste, un dietro le quinte appassionante e il video cantato dai bambini in lingua, la lingua dei non udenti

A tre mesi di distanza dall'evento, è stato pubblicato su Youtube il video della "Speranza in 1000", un progetto scolastico realizzato dai giovani artisti della Compagnia "Quelli della Via" capitanati da Paolo Baccarini, che ha unito dieci scuole elementari di Forlì e chi si è concluso lo scorso dicembre al Palazzetto dei Romiti con il canto che ha coinvolto ben mille bambini. "Usciamo con il video proprio in questo momento in cui i bambini sono costretti a casa da scuola per dar loro forza, nella "Speranza" che presto potranno rivedere tutti i loro compagni di classe e tornare uniti", spiegano dalla Compagnia. Prossimamente uscirà un cortometraggio che racconterà lo svolgersi del progetto con interviste, un dietro le quinte appassionante e il video cantato dai bambini in lingua, la lingua dei non udenti.

"Il filmato - avevano spiegato gli organizzatori - sarà l'espressione di ogni ora trascorsa insieme: ogni relazione, ogni volto, ogni silenzio e ogni parola, gioia e lacrime che possono scaturire quando ci si guarda dentro e si fa spazio ad un “altro”. Nelle otto settimane di lavoro, ogni classe fa esperienza di relazione ed integrazione attraverso l'ascolto, le attività laboratoriali, la lettura e riflessione del testo. “Impariamo a stare insieme anche attraverso il canto corale.”

Il gruppo della Compagnia "Quelli della Via" ha acquisito una certa notorietà in città e non solo, nell’ottobre 2018, con la "piece" "Il Fiore del Deserto" rappresentata durante le celebrazioni per i 15 anni della scomparsa della missionaria forlivese Annalena Tonelli. "Tutto è natato nel luglio scorso - aveva spiegato Baccarini - dall'incontro con un bimbo africano che, a fine prove del progetto teatrale dove era inserito, mi ha confidato di aver paura del mondo. In casa sente dire che il mondo è razzista e mi chiede cosa vuol dire. Sono rimasto allibito e mi detto che certe domande non devono abitare nel cuore di un bimbo di 8 anni". Così è nata l'idea di un percorso che ha coinvolto tanti piccoli. Filo conduttore è stato il brano scritto da Paolo e da un amico africano, dove si prova a fare un viaggio insieme, grandi e piccini, chiedendosi cosa sia la diversità.

Al termine della tournée dello spettacolo su Annalena, con ben 10 repliche in giro per l'Italia, la Compagnia “Quelli della Via” ha deciso di rivolgere lo sguardo alla propria città, con un progetto in grado di dare voce ai sogni e alle speranze di pace dei piccoli. "Dopo un percorso in classe per parlare di ciò che ci accomuna e ci distingue", ha proseguito Paolo, che è anche capofila del Team “Speranza in 1000”. E il 3 dicembre scorso si è svolto l'evento finale con la realizzazione del video. "E’ un viaggio che vogliamo fare piccoli e grandi insieme - ha esclamato -. Il filmato permetterà a questi 1000 messaggeri di pace di arrivare ovunque”. Ulteriori info su “La speranza si canta in 1000” al link: https://www.ideaginger.it/progetti/speranza-in-1000.html.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento