menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il maresciallo Alessandro Albonetti della stazione di Modigliana

Il maresciallo Alessandro Albonetti della stazione di Modigliana

Disabile mentale stuprata per mesi, l'orco era in casa

Per almeno sette mesi ha abusato sessualmente della nipote. A spezzare la catena dell'orrore è stata la vittima stessa, una quarantenne con problemi psichici dalla nascita, che si è confidata con la sorella

Per almeno sette mesi ha abusato sessualmente della nipote. A spezzare la catena dell’orrore è stata la vittima stessa, una quarantenne con problemi psichici dalla nascita, che si è confidata prima con la sorella e poi con i genitori. L’orco è lo zio, un pensionato forlivese di 67 anni, la classica persona insospettabile con famiglia, che sabato è stato arrestato dai Carabinieri della stazione di Modigliana al termine di un’inchiesta diretta dal maresciallo Alessandro Albonetti.

SOSPETTI – I fatti si sono consumati a Modigliana. Da mesi la quarantenne, seguita anche dai servizi sociali, manifestava un certo nervosismo. I familiari hanno voluto vederci chiaro, fino a quando la donna ha rilevato alla sorella che lo zio “la toccava”. I fatti sono stati denunciati a fine luglio ai Carabinieri, che hanno più volte ascoltato il racconto della vittima alla presenza anche di un’ispettrice della Questura specializzata in casi di violenza sessuale.

APPOSTAMENTI – Gli uomini dell’Arma, informati dei movimenti dello stupratore dai genitori della vittima, hanno iniziato una serie di appostamenti per costruire prove schiaccianti. Sabato l’epilogo. L’orco ha fatto visita alla nipote per prendersi in cura di lei in assenza dei genitori. Ed invece, come spesso capitava negli ultimi mesi l’ha portata in camera, cominciando a palpeggiarla. Nascosti in un armadio c’erano però i carabinieri, che hanno immediatamente bloccato il 67enne.

ARRESTO – Per l’uomo era già pronta un’ordinanza di custodia cautelare in carcere richiesta dal pubblico ministero Mancini e firmata dal giudice per le udienze preliminari Luisa Del Bianco. L’arresto è stato convalidato. Ora il pensionato è in carcere alla Rocca con l’accusa di violenza sessuale consumata nei confronti di persona incapace.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento