menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da amico di famiglia ad orco: abusava di una bimba di 11 anni

Pesantissimi i capi d'accusa che l'hanno spedito dietro le sbarre: violenza sessuale e atti sessuali con minori aggravati dall'abuso di ospitalità e dalla tenera età della vittima

Dietro la figura dell'amico di famiglia si nascondeva quella dell'orco. Pesantissimi i capi d'accusa che l'hanno spedito dietro le sbarre: violenza sessuale e atti sessuali con minori aggravati dall'abuso di ospitalità e dalla tenera età della vittima, una piccola di 11 anni. In manette è finito sabato scorso un forlivese di 38 anni in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere richiesta dal pubblico ministero Alessandro Mancini e firmata dal gip Alessandro Trinci.

I fatti si sono consumati durante le rimpatriate del fine settimana in un casolare di una zia della vittima, sulla vallata del Forlivese, tra la fine dell'estate del 2011 e il maggio scorso. Le indagini della Squadra Mobile di Forlì, diretta dal dirigente Claudio Cagnini, sono iniziate in seguito alla denuncia sporta da una familiare della bambina, che aveva sorpreso l'uomo, un amico di famiglia, in atteggiamenti morbosi con la piccola.


L'undicenne ha ammesso in lacrime che in più di una circostanza il 38enne l'aveva toccata. Abusi ribaditi dalla piccola anche davanti ad un consulente psicologico, nominato dal pubblico ministero nel corso delle indagini. Gli inquirenti hanno ascoltato anche altri parenti, uno dei quali ha riferito di aver osservato il 38enne più vicino alla ragazzina che agli adulti. Gli elementi raccolti sono stati ritenuti sufficienti per spalancare le porte della “Rocca” all'uomo. Mercoledì è previsto l'interrogatorio di garanzia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento