Welfare, il sostegno della Regione per contrastare le disuguaglianze aumenta

Altri 6,3 milioni di euro di risorse proprie, che portano ad oltre 55 milioni il Fondo sociale regionale 2020

Nuove risorse e interventi per contrastare disuguaglianze, fenomeno del ritiro sociale, povertà educativa di adolescenti e preadolescenti, in aumentoin seguito alla pandemia da Coronavirus, e misure rivolte alle persone senza fissa dimora.

Un sostegno concreto nel post emergenzasanitaria arriva dalla Regione Emilia-Romagna, che ha stanziato ulteriori 6,3 milioni di euro con un atto approvato nell’ultima seduta di Giunta: risorse proprie, che integrano la dotazione del Fondo sociale regionale 2020 portandola complessivamente ad oltre 55 milioni di euro.  Contributi che serviranno a dare risposta ad esigenze concrete, come il pagamento delle utenze domestiche, buoni spesa, percorsi individualizzati contro l’abbandono scolastico e di supporto ai giovani cosiddetti Hikikomori, unfenomeno di ritiro sociale che l’emergenza sanitaria ha acuito. 

Risorse e interventi illustrati questa mattina alla stampa, in videoconferenza da Viale Aldo Moro, dalla vicepresidente della Regione con delega al Welfare, Elly Schlein.

“La scelta di integrare il fondo sociale regionale con queste nuove risorse - ha sottolineato la vicepresidente Schlein- nasce anche dal confronto avuto in questi ultimi mesi con gli Enti locali e con i sindacati, che ci chiesero di aumentare le risorse per dare risposte ancora più immediate ai nuovi bisogni emersi in buona parte della popolazione in difficoltà economica e sociale a causa dell’emergenza da Covid. Questo nuovo intervento di 6,3 milioni di euro consentirà di offrire agli Enti locali e ai servizi sociali del territorio strumenti più flessibili per fare fronte alle diseguaglianze in aumento e contribuire a risollevare una comunità senza dubbio molto provata dagli effetti della pandemia. Gli interventi – ha aggiunto la vicepresidente - vanno dai contributi economici al sostegno alimentare e per le utenze, ad azioni mirate per l’accoglienza e l’autonomia delle persone senza fissa dimora, a un programma specifico, nato in concerto con l’Assemblea legislativa, per gli adolescenti in condizione di fragilità, disabilità o ritiro sociale, contrastando povertà educativa e dispersione scolastica. In ultimo- ha evidenziato la vicepresidente- desidero ricordare che con lo stanziamento di questi 6,3 milioni di euro la Regione porta ad oltre 55 milioni la dotazione del Fondo sociale regionale. È il nostro modo per sostenere i sindaci e i servizi di tutto il territorio in questo importante sforzo destinato a non lasciare nessuno indietro, pur consapevoli che non sarà una sfida facile nei prossimi, complicati mesi”.

Gli interventi finanziati

I 6,3 milioni di euro stanziati dalla Regione sono destinati a Comuni e Unioni di Comuni per rafforzare gli interventi e i servizi sociali del territorio, in base alle esigenze e alle priorità definite e programmate tramite i Piani di zona a livello distrettuale.

Di questi, 4 milioni sono finalizzati a supportare le persone in situazioni di fragilità e precarietà impreviste, come forme di indebitamento e perdita di posti di lavoro che in alcuni casi hanno aggravato condizioni critiche preesistenti. Le azioni previste potranno riguardare il pagamento delle utenze,l’erogazione di buoni spesa o contributi economici per supportare chi si trova in situazioni di difficoltà ma non rientra nelle diverse misure di sostegno al reddito previste a livello nazionale.

Inoltre, grazie alla concertazione con l’Assemblea legislativa, 1 milione e 500mila euro sarà destinato a un nuovo programma finalizzato a contrastare la povertà minorile, educativa, relazionale di preadolescenti e adolescenti in condizione di fragilità, che maggiormente abbiano risentito dell’isolamento sociale e della distanza fisica di questi mesi; e al cosiddetto “ritiro sociale” (meglio noto come fenomeno degli Hikikomori: giovani, anche giovanissimi, che decidono di rinchiudersi nella propria abitazione senza aver contatti diretti con il mondo esterno). In particolare, potranno essere finanziati interventi di sostegno socioeducativo o alle attività scolastiche e formative, attraverso il potenziamento della rete che comprende servizi sociali territoriali, servizi di Neuropsichiatria per l’infanzia e l’adolescenza, servizi sanitari, educativi, Spazi giovani, Centri per le famiglie, mondo della Scuola e della Formazione professionale, organizzazioni del Terzo settore.

Tra le azioni realizzabili, la diffusione e il potenziamento di spazi/sportelli di ascolto nelle scuole; laboratori per piccoli gruppi e percorsi individualizzati per i ragazzi a rischio di abbandono scolastico; forme di supporto socioeducativo con l’ausilio di educatori per interventi domiciliari;percorsi di integrazione scolastica di ragazze e ragazzi con disabilità, percorsi di sperimentazione di scuole aperte alla comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, i restanti 800 mila euro saranno destinati al rafforzamento dei servizi per le persone senza fissa dimora. In questo caso, i fondi andranno esclusivamente ai distretti che comprendono un Comune con più di 50 mila abitanti, dove il fenomeno della grave emarginazione adulta e senza dimora è più diffuso, per garantire la prevenzione del contagio da Coronavirus eliminando o riducendo la presenza in “strada” di queste persone specialmente in vista dei mesi invernali.  Tra le azioni previste, l’aumento dei posti di accoglienza sulle 24 ore, la sperimentazionedi percorsi abitativi in autonomia quali l’housing first (piccoli appartamenti indipendenti); una maggiore diffusione dei servizi di assistenza in strada (unità di strada sociali per i senza dimora) e di risposta ai bisogni sanitari e primari (mense, docce); attività di orientamento e accompagnamento ai servizi (sanitari, del lavoro…) nell’ambito di progetti per l’autonomia socio-lavorativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Non paga i debiti della propria azienda: l’imprenditore creditore assolda i killer per ucciderlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento