Cronaca

Forlì in "zona rossa": si fermano catechismo e benedizioni pasquali, sì alle messe

Il vescovo Livio Corazza, in seguito all'ulteriore stretta stabilita per limitare la diffusione del covid-19, ha deciso di sospendere tutte le iniziative in presenza

Col comprensorio forlivese che da lunedì entra in "zona rossa", nelle parrocchie si fermano anche la catechesi dei bambini e dei ragazzi e le benedizioni pasquali. Il vescovo Livio Corazza, in seguito all'ulteriore stretta stabilita per limitare la diffusione del covid-19, ha deciso di sospendere tutte le iniziative in presenza. Oltre al catechismo, sono stati sospesi tutti gli incontri formativi, le attività di oratorio e doposcuola di tutti i gruppi parrocchiali e delle aggregazioni.

Stop anche alle riunioni di qualsiasi tipo (come incontri organizzativi e assemblee varie), ma anche alle visite alle famiglie e benedizioni pasquali (le benedizioni alle famiglie sono consentite in Diocesi solo in "zona gialla", mentre le benedizioni ai negozi e luoghi di lavoro sono consentite anche in "zona arancione"; non sono mai consentite, come si è detto, in "zona rossa").

Non si potranno svolgere  viae crucis all'esterno delle chiese (sono invece consentite all'interno, purché i fedeli restino ciascuno al proprio posto e si muova solo il presidente). Per quanto riguarda le celebrazioni liturgiche sono consentite le celebrazioni eucaristiche sia feriali sia festive.

Viene comunicato che "i protocolli di sicurezza all'interno delle chiese, prima durante e dopo le celebrazioni liturgiche, restano invariati, così come normato dall'intesa del 7 maggio 2020 tra Cei e governo e dalle successive integrazioni. Quindi, viene spiegato, "i cori, consentiti a patto che sia osservata la distanza interpersonale laterale di almeno un metro, e la distanza tra le singole file di almeno due metri, siano comunque limitati al numero di coristi strettamente indispensabile".

Per quanto riguarda i Centri Caritas parrocchiali (salvo disposizioni ulteriori) sono sospesi i colloqui con gli assistiti, mentre è consentita la sola distribuzione di viveri e beni di prima necessità. Si fa presente inoltre che, per gli spostamenti consentiti, è sempre necessaria l'autocertificazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forlì in "zona rossa": si fermano catechismo e benedizioni pasquali, sì alle messe

ForlìToday è in caricamento