rotate-mobile
Diretta

Nubifragio si abbatte sul Forlivese: tutte le notizie in diretta

Come annunciato dagli esperti meteo, la Romagna è alle prese con nuove intense precipitazioni dopo quelle di inizio maggio, che hanno causato frane e allagamenti

Il Forlivese da mercoledì mattina è stato per quasi 24 ore nuovamente nella morsa del maltempo. Come annunciato dagli esperti meteo, la Romagna è alle prese con nuove intense precipitazioni dopo quelle di inizio maggio, che hanno causato frane e allagamenti. In totale, le precipitazioni della settimana scorsa, hanno causato alluvioni e dissesti idrogeologici per un miliardo di euro di danni e circa 1800 sfollati in 4 province.

08.30 - Nella notte l'attenuazione delle piogge

Cielo grigio e temperature autunnali hanno accompagnato la sveglia dei Forlivesi, con temperature minime che non hanno superato i 12°C. Deboli le piogge in città. Dal Comune di Forlì segnalano che non ci sono state criticità. Anche il livello idrometrico dei fiumi è nella norma. Si chiude qui la diretta. 

21.41 -  Il nubifragio di mercoledì pomeriggio: la spiegazione tecnica

Pierluigi Randi, tecnico meteorologo certificato e meteorologo Ampro (Associazione meteo professionisti) spiega la genesi del nubifragio formatosi mercoledì pomeriggio tra Forlì e Faenza. E nei prossimi giorni "il tempo rimarrà instabile, con alternanza di schiarite e brevi rovesci, tuttavia una nuova onda depressionaria in risalita da nord-est è attesa tra sabato e domenica" (QUI LA NOTIZIA COMPLETA).

19.57 - La protezione civile avvisa con le telefonate registrate

Ancora un giro di telefonate alle migliaia di forlivesi iscritti al servizio di "Alert System" nel pomeriggio di mercoledì. Le chiamate con voce registrata hanno infatti segnalato che "anche nella giornata di domani, giovedì, è previsto maltempo diffuso, che potrebbe innescare ulteriori frane e causare piene nei fiumi del Forlivese". Nella telefonata registrata, dal numero 0543-712200 "si raccomanda prudenza, massima attenzione e di ridurre gli spostamenti".

19.40 - La diga di Ridracoli torna a tracimare per la terza volta

Terza tracimazione per la diga di Ridracoli dopo quella del 4 marzo e del 3 maggio scorso. La cascata lungo lo sbarramento di cemento alto 103 metri si attiva quando il livello di sforo tocca quota 557,30 metri sul livello del mare. La nuova perturbazione ha fatto crescere l’invaso di 18 centimetri, con 23 millimetri di pioggia caduti sul lago artificiale, tornando così al 100% della sua capienza totale e riproponendo la cascata.

18.51 - Continua a piovere in città, seppure con debole intensità

Insiste su tutta la Romagna il maltempo. A Forlì, dopo il nubifragio del primo pomeriggio, la pioggia continua a cadere con debole intensità. Ma le nuvole sono gonfie di pioggia. E anche per la giornata di giovedì il servizio meteorologico dell'Arpae non esclude delle precipitazioni, anche se non mancheranno parziali aperture. Queste le previsioni: "Al mattino nuvolosità irregolare con addensamenti più consistenti sui rilievi associate a deboli e irregolari precipitazioni. Nel pomeriggio intensificazione delle precipitazioni sui rilievi che saranno a carattere debole-moderato mentre in pianura è probabile qualche precipitazione debole e irregolare". Nel frattempo anche il canale che attraversa il Parco Urbano è pieno.

La situazione al Parco Urbano-2

18.15 - Scuole regolarmente aperte giovedì

Il Comune di Forlì ha tenuto a comunicare che le scuole saranno regolarmente aperte nella giornata di giovedì. L'attività didattica non subirà quindi alcuna ripercussione.

18.03 - Allerta "rossa" anche per la giornata di giovedì

La Protezione Civile ha prorogato l'allerta "rossa" sulla pianura e bassa collina forlivese per piene dei fiumi e frane sull'alta collina, mentre è "arancione" sul resto del comprensorio sempre per "criticità idraulica" e "criticità idrogeologica". "A seguito delle estese e intense precipitazioni dei giorni precedenti, saranno possibili fenomeni franosi su versanti caratterizzati da condizioni idrogeologiche particolarmente fragili, più diffusi nel settore collinare centro orientale", si legge nell'avviso (QUI LA NOTIZIA)

17.50 - Il sindaco Zattini dopo gli allagamenti a Vecchiazzano

Così il sindaco Gian Luca Zattini: "Abbiamo attivato il Centro Operativo Comunale chiamato a gestire l'emergenza maltempo. C'è grande attenzione per la tenuta idraulica e idrogeologica di tutto il territorio. La macchina comunale è già in moto e operativa in vari punti della città con il supporto di tutti i servizi, i volontari della Protezione Civile, la Croce Rossa, la Polizia Locale e gli assistenti sociali. A Vecchiazzano siamo intervenuti poco fa con i nostri operatori del servizio strade per ripristinare la viabilità di una strada che si era allagata. Vi chiede come sempre di segnalarmi nei commenti eventuali situazione di crisi. Raccomando nuovamente molto prudenza, massima attenzione e di limitare gli spostamenti allo stretto necessario. Per allagamenti alla viabilità, ostruzioni di caditoie, griglie acque e biche su strade potete contattare il seguente numero: 800 005 464

17.35 - Regolare la situazione dei fiumi

Livello idrometrico "ordinario" per quanto concerne i fiumi che attraversano il Forlivese. A Ponte Braldo il Montone, dopo le abbondanti piogge, è salito a quota 2,16 metri dopo essersi mantenuto per tutta la mattinata intorno al livello di 1,38 metri. Regolare, e ben al di sotto della soglia d'attenzione, anche la situazione del Ronco, Bidente e Rabbi.

17.20 - Torna alla normalità alla situazione a Vecchiazzano (foto)

Dopo il temporaneo allagamento, torna alla normalità la situazione a Vecchiazzano. Contemporaneamente si sono decisamente attenuate le precipitazioni, anche se continua a piovere in tutta la città. A Forlì centro sono caduti 36,8 millimetri di pioggia, così come nella zona dell'aeroporto. Meno colpite le altre aree forlivesi dal forte acquazzone che si è materializzato poco prima delle 14.30. Nell'entroterra da segnalare i 30 millimetri caduti sul Monte Falco.

Vecchiazzano dopo il temporaneo allagamento-2

17.00 -  Il Comune di Forlì attiva il Centro operativo comunale. "Massima allerta e monitoraggio capillare del territorio"

Alla luce delle previsioni metereologiche e dello stato di allerta per criticità idraulica dichiarato per la giornata di mercoledì anche per il territorio forlivese dalla Protezione Civile dell’Emilia Romagna, si è insediato nel Municipio di Forlì il Centro Operativo Comunale (Coc), così come previsto dal Piano Comunale di Protezione civile. Il Coc è un’unità operativa dell’ente chiamata a gestire l’emergenza con l’attivazione di varie funzioni: quella “Tecnico Scientifica e di Pianificazione”, quella di comunicazione e informazione, la viabilità, l’eventuale assistenza alla popolazione, il rapporto con volontariato e con le strutture operative locali, tutte le funzioni amministrative. Insomma, la macchina comunale è già in moto con il supporto di tutti i servizi, i volontari della Protezione Civile, la Croce Rossa, le Forze dell’Ordine e gli assistenti sociali, per affrontare al meglio la nuova ondata di maltempo che si sta abbattendo in queste ore sull’intera Romagna. (QUI LA NOTIZIA)

16.41 - Allagamenti al parco urbano, a Vecchiazzano e in altre zone della città

Il nubifragio che si è abbattuto nel primo pomeriggio di mercoledì, poco prima delle 14,30, ha causato allagamenti di strade in particolar modo nella zona di Vecchiazzano. Parte di via Castel Latino è allagata (foto di Massimo Bellavista, da Meteo Forlì-Cesena). Allagamenti anche in una parte del Parco Urbano. Dopo una mattinata con pioggia regolare, sulla città si è abbattuto un forte acquazzone, con quantitativi pluviometrici di poco superiori ai 32 millimetri di pioggia. Precipitazioni meno intense nell'entroterra e nelle aree interessate dagli smottamenti. Gli allagamenti a Vecchiazzano sono segnalati all'altezza di via Pigafetta. Anche a Coriano qualche allagamento nei pressi della scuola primaria Bersani, in corrispondenza dell'incrocio tra via Lambertelli e via Bertini.

allagamenti-vecchiazzano-10-maggio-2023-2

ForlìToday è in caricamento