Imprese giovanili, in Provincia un lieve calo. Si punta tutto sull'agricoltura

L'analisi della Camera di Commercio della Romagna evidenzia un calo in provincia, comunque inferiore alla media regionale e nazionale

Nel 2018 nelle province di Forlì-Cesena e Rimini si è registrata una diminuzione delle imprese giovanili attive, inferiore però alla variazione negativa sia regionale che nazionale; tale diminuzione, inoltre, risulta essere la più bassa nel medio periodo. I dati sono di Infocamere-Movimprese del 2018, elaborati dall’Ufficio Studi della Camera di commercio della Romagna. A fronte delle difficoltà di alcuni settori, quali il commercio, le costruzioni, l’alloggio e ristorazione e il manifatturiero, ve ne sono altri che crescono, tipo quello agricolo e dei servizi alle imprese e alle persone; aumenta, inoltre, in modo deciso, il numero delle società di capitale gestite dai giovani.

Nella provincia di Forlì-Cesena, al 31 dicembre si contano 2.474 imprese giovanili attive che costituiscono il 6,7% del totale delle imprese attive (7,5% in regione e 9,7% a livello nazionale); nel confronto con il 31 dicembre 2017, si riscontra un calo delle imprese giovanili dello 0,7%, inferiore alla variazione negativa sia regionale (-3,3%) che nazionale (-3,2%). Positivo, comunque, è che tale diminuzione risulta essere la più bassa nel medio periodo (dal 2013). I principali settori economici risultano il Commercio (699 imprese giovanili, 28,3% sul totale delle relative imprese), le Costruzioni (421, 17,0%), gli Alberghi e ristoranti (295, 11,9%), l’Agricoltura (221, 8,9%), le Altre attività di servizi (prevalentemente Servizi alle persone) (188, 7,6%) e l’Industria Manifatturiera (148, 6,0%). Il settore con la più alta incidenza percentuale delle imprese giovanili (sul totale delle imprese attive) è quello relativo agli Alberghi e ristoranti (10,7%), seguito dalle Attività finanziarie e assicurative (10,6%). Rispetto al 31 dicembre del 2017, si registra un calo delle imprese giovanili delle Costruzioni (-9,1%) e del Manifatturiero (-8,6%) mentre crescono quelle operanti negli altri principali settori: Commercio (+1,3%), Alberghi e ristoranti (+1,4%), Agricoltura (+4,7%) e Servizi alle persone (+4,4%).

I dati Infocamere-Movimprese del 2018, elaborati dall’Ufficio Studi della Camera di commercio della Romagna per l’Osservatorio economico della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini, rilevano al 31 dicembre scorso nel sistema aggregato Romagna (Forlì-Cesena e Rimini) si contano 5.070 imprese giovanili attive, che costituiscono il 7,1% del totale delle imprese attive (7,5% in regione e 9,7% a livello nazionale); nel confronto con il 31 dicembre 2017, si riscontra un calo delle imprese giovanili dell’1,2%, inferiore alla variazione negativa sia regionale (-3,3%) che nazionale (-3,2%). Positivo, comunque, è che tale diminuzione risulta essere la più bassa nel medio periodo (dal 2013).

 Riguardo alla natura giuridica, prevalgono nettamente le imprese individuali (1.907 unità, 77,1% del totale delle imprese giovanili), seguite dalle società di capitale (317 unità, 12,8%) e società di persone (226 unità, 9,1%). Le imprese individuali sono anche quelle con la maggiore incidenza percentuale sul totale delle imprese attive (8,9%). In termini di variazione annua, buona la performance delle società di capitale (+7,8%), alla quale si contrappone la diminuzione sia delle imprese individuali (-1,5%) che delle società di persone (-3,0%). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In un contesto di analisi territoriale, infine, si evidenzia come la metà esatta delle imprese giovanili provinciali si trovano nei comuni di Forlì (27,6%) e Cesena (22,4%), ossia nei “Grandi centri urbani”; buona anche la presenza nei comuni di Cesenatico (8,8%), Bertinoro (3,1%) e Forlimpopoli (2,9%), ossia nei cosiddetti “Comuni di cintura” (totale 14,8%), e di Savignano sul Rubicone (4,8%), San Mauro Pascoli (3,1%), Gambettola (3,1%), Gatteo (2,9%) e Longiano (1,9%) (”area del Basso Rubicone”, totale 15,8%). Ad essi vanno aggiunti i comuni di Meldola (2,0%), Mercato Saraceno (1,7%) e Castrocaro Terme e Terra del Sole (1,6%). In sintesi, il 54,7% delle imprese giovanili attive si trova nel comprensorio di Cesena e il 45,3% nel comprensorio di Forlì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Grotte urlanti", turisti allontanati dall'Arma: trovate anche corde per scalare le rocce

  • Apre un nuovo bar-ristorantino a due passi dal Duomo: "Scommetto sul centro, è l'ora del coraggio"

  • Sfuriata ventosa in serata: crollano diversi alberi, serie di interventi dei Vigili del Fuoco

Torna su
ForlìToday è in caricamento