menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aeroporto, 50 dipendenti Seaf in cassa integrazione

Il capogruppo della Lega Nord Gian Luca Zanoni interroga la Giunta provinciale per sapere se è vero che "nell'aeroporto di Forlì ci sono 220 posizioni lavorative in cassa integrazione

Il capogruppo della Lega Nord Gian Luca Zanoni interroga la Giunta provinciale per sapere se è vero che “nell’aeroporto di Forlì ci sono 220 posizioni lavorative in cassa integrazione i quali contratti pare siano con scadenza 30 novembre. Di queste in Cassa integrazione straordinaria sono 50 dipendenti di Seaf, 42 fra funzionari, impiegati e 8 tra operai e tecnici, alcuni di questi da giugno sono a “zero ore”, mentre un’altra quota mensile si alterna per garantire i servizi”.


Risponde l’assessore al Lavoro Denis Merloni: “La situazione è la seguente: da febbraio a settembre di quest’anno abbiamo svolto sette incontri con i sindacati e con le imprese che lavorano all’interno dell’aeroporto. Seaf ha chiesto la cassa integrazione per 50 persone a rotazione; la Marco Polo Food, per la ristorazione, ha 6 dipendenti, nessuno in cassa integrazione; Formula Servizi per le pulizie ha 7 persone, di cui 5 in cassa integrazione, ma di fatto lavorano quasi a tempo pieno in quanto c’è stato un assorbimento del loro orario di lavoro nel sistema Formula Servizi; l’azienda Giaccheri per il facchinaggio ha 12 dipendenti, è stata chiesta cassa integrazione a rotazione; Colas per la sorveglianza non utilizza cassa integrazione, i due esuberi sono stati ricollocati in altri servizi. Nessuno dei lavoratori dello scalo ha chiesto al momento di poter abbandonare la struttura, in quanto credono che possa essere rilanciata”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento