Allestitori fieristici, l'allarme: "Senza interventi a fondo perduto a rischio 120mila posti di lavoro"

È la drammatica situazione degli allestitori, spontaneamente riunitisi nel gruppo social "Allestitori si Nasce", a cui aderisce anche l’imprenditrice Diana Minghetti

Un settore che vale 2 miliardi di fatturato, con oltre 120mila addetti diretti e indiretti, che nel 2020 registrerà un calo del fatturato stimato nell’ordine dell’80%. E questo senza avere alcuna prospettiva sul 2021. È la drammatica situazione degli allestitori, spontaneamente riunitisi nel gruppo social "Allestitori si Nasce", a cui aderisce anche l’imprenditrice Diana Minghetti di "Meeting Packet Snc", nato per dar voce alle aziende di questo particolare settore in un momento drammatico per tutto il Paese.

"Le misure varate dal governo nel cosiddetto "Decreto Rilancio sono insufficienti e, se non interverranno sostegni a fondo perduto, la maggior parte delle aziende  non  riaprirà  più i battenti - viene evidenziato -. Stiamo parlando di oltre 400 aziende, circa 250 delle quali iscritte all‘associazione di categoria Asal – AssoAllestimenti, emanazione di FederLegno Arredo. Tutti gli eventi fieristico‐congressuali dei prossimi mesi sono stati progressivamente rinviati e, in buona parte, successivamente soppressi per essere poi riprogrammati al prossimo anno (esempio ne è il Salone del Mobile che, inizialmente posticipato a Giugno, è poi definitivamente slittato all’edizione del 2021)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questo scenario di incertezza e dubbi economici sul futuro, gli allestitori hanno indubbiamente una certezza: ai mesi già trascorsi ‐ come molti ‐ con un fatturato pari a zero, ne seguiranno senz’altro molti altri con il medesimo trend - viene aggiunto -. Nell’organico stabile d queste aziende operano  architetti, designers, falegnami,  operai  specializzati nel montaggio delle strutture, operatori logistici oltre a una varietà di professionalità artigiane che include vetrai, fabbri, carpentieri, fioristi, grafici, stampatori, fotografi, web designer, tecnici audio/video e tante altre maestranze che concorrono a completare l’opera di allestimento. Il lavoro degli allestitori contribuisce in modo determinante anche al turismo e all’hospitality. Le fiere, infatti, mobilitano a livello nazionale circa 200.000 espositori e oltre 20 milioni di visitatori. Tra l’altro, gli allestitori, con il loro mobilitarsi costante da una città all’altra  e da  regione a regione, contribuiscono fattivamente all’industria della ricettività alberghiera, della ristorazione e della mobilità su gomma".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento