menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ambulanti di Predappio in rivolta, 'Corteo funebre' per la morte del mercato

"Come già da tempo in programma è confermato, per sabato, lo sciopero della maggioranza dei commercianti ambulanti del mercato di Predappio"

“Come già da tempo in programma è confermato, per sabato, lo sciopero della maggioranza dei commercianti ambulanti del mercato di Predappio, non avendo ottenuto alcun tipo di confronto costruttivo con l'amministrazione comunale, a parte le solite scuse sulla pericolosità della strada che potrebbe essere risolta anche con soluzioni a costo zero già proposte da noi ma mai tenute in seria considerazione”. Lo comunica il Comitato dei commercianti ambulanti di Predappio.

Per quanto riguarda lo sciopero lo svolgimento sarà il seguente: Ore 8 ritrovo presso Foro Boario. Ore 8:30 il corteo dei mezzi si muoverà a passo d'uomo verso piazza Sant'Antonio dove verrà istituita una raccolta firme Verso le 11 'corteo funebre ironico' fino al Municipio con tanto di bara per depositare le firme raccolte.

Sulla questione è intervenuto anche il sindaco Giorgio Frassineti: "Visto che sulla stampa sono apparse alcune notizie relative alla protesta degli ambulanti che operano a Predappio, motivata dal fatto che non hanno mai ottenuto alcun tipo di confronto costruttivo con l'amministrazione comunale, sono a questo punto necessarie alcune precisazioni. Questa amministrazione è venuta più volte incontro alle istanze degli ambulanti aumentando a 7 mesi la permanenza in Piazza Sant’Antonio del mercato settimanale (fino al 2005 era di tre mesi, e il resto dell’anno era al Foro boario), e con Delibera del C. C. n. 97 del 22/12/2012, ha stabilito che tale Piazza è la sede principale del Mercato. Ha inoltre accettato le proposte dei produttori agricoli, spostandoli in Via Trieste dalla sede di Via Zara".

"Per capire come le proteste e le accuse siano solamente strumentali e fuori da ogni realtà, è necessario percorrere il lungo iter della sede del Mercato di Predappio. Evidentemente chi protesta non ricorda o fa finta di non ricordare. Il mercato di Predappio, che tradizionalmente era collocato in Piazza Garibaldi, nel 1989 venne spostato al Foro Boario (Del. G.C. n. 74 del 07/03/1989), e si individuò in tale area la sede più idonea per lo svolgimento del mercato settimanale. Mai in quegli anni il mercato fu fatto in Piazza Sant’Antonio. Solo dopo 7 anni, e cioè nel 1996 (Ord. Sind. n. 45 del 24/06/1996) si decise di fare svolgere il mercato per tre mesi in via sperimentale in Piazza Sant’Antonio, e per gli altri 9 mesi al Foro Boario. Dopo altri nove anni, e quindi siamo nel 2005, con (Ord. Sind. n. 26 del 05/04/2005) si stabilì la possibilità di aumentare i mesi in Piazza Sant’Antonio, portando a 6 mesi la sede al Foro Boario", continua il sindaco.

"Dopo altri 6 anni, l’attuale Amministrazione, con la Deliberazione del C.C. n. 68 del 28/09/2011 e successiva Ordinanza n. 85 del 29/09/2011 ha deciso la sperimentazione dello spostamento del mercato settimanale del sabato in Piazza Sant’Antonio per tutto l’anno, prorogata poi con l’Ordinanza n. 102 del 10/09/2012 - aggiunge il primo cittadino -. Quindi dalla primavera 2011 fino alla fine del 2012, il mercato si è svolto ininterrottamente in Piazza Sant’Antonio, a parte i mesi di rifacimento della pavimentazione della piazza. Nel frattempo il Comune ha concluso l’indagine conoscitiva sul gradimento della collocazione del mercato, oltre che a recepire le indicazioni della Polizia Municipale in merito alla sicurezza stradale".

"L’Amministrazione ha inoltre cercato la soluzione che appare la più logica e che tuttavia ha incontrato difficoltà realizzative derivanti dalla conformazione urbanistica del paese, e cioè il ritorno in Piazza Garibaldi. Cosa che sarà possibile quando si realizzerà il collegamento già progettato tra via Sanzio e Via Mazzini, spostando cioè il traffico dal centro storico - chiosa il sindaco -. Ricordo a tutti che a fine Marzo i commercianti ambulanti torneranno in Piazza Sant’Antonio. Ricordo agli ambulanti che siamo a gennaio. Tanto rumore per tre mesi? Quindi accusare questa Amministrazione comunale di non aver mai mostrato alcun tipo di confronto costruttivo, dopo che dal suo insediamento la piazza principale per il mercato settimanale è diventata Piazza Sant’Antonio, ed averne aumentato i mesi di permanenza, significa avere una posizione cinicamente strumentale, visto che tra solamente tre mesi gli ambulanti torneranno nella piazza Sant’Antonio".

"Significa anche dimenticare che le ragioni degli altri hanno un valore, e che le Amministrazioni comunali vanno trattate con maggiore rispetto. Queste manifestazioni portano scontri ed amarezze che Predappio farebbe volentieri a meno. Quando gli ambulanti apriranno i loro banchi, devono dire la verità - continua ancora il sindaco -. E cioè che nel tempo si è aumentato il periodo di permanenza del mercato in Piazza Sant’Antonio, e diminuita quella al Foro Boario. E’ difficile sostenere che le varie Amministrazioni comunali di Predapppio che si sono susseguite, non siano state aperte nel cercare soluzioni alternative e possibili all’annoso problema del mercato ambulante, nell’armonia della comunità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento