menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il clima incide sull'agricoltura: calano nella produzione di grano, pesche, albicocche e ciliege

Fra i servizi istituzionali che la Camera di Commercio di Forlì-Cesena mette a disposizione del territorio, c’è il monitoraggio dei prezzi in agricoltura, che consente la pronta verifica dell’andamento del mercato

Fra i servizi istituzionali che la Camera di Commercio di Forlì-Cesena mette a disposizione del territorio, c’è il monitoraggio dei prezzi in agricoltura, che consente la pronta verifica dell’andamento del mercato. Dal 1960, infatti, l’Ente pubblica i listini dei prezzi, in forma cartacea ed ora anche on-line. La raccolta, nel tempo, di queste mercuriali costituisce, oltre che un punto di riferimento per i tanti operatori che hanno necessità di conoscere con tempestività le quotazioni dei prodotti agricoli e zootecnici, anche un utile strumento nelle controversie.

Due sono le Commissioni preposte al rilevamento dei prezzi: Commissione prezzi bestiame bovino, suino ed ovino e Commissione prezzi cereali, foraggi, sementi, frutta e ortaggi, che si riuniscono ogni lunedì mattina per le quotazioni dei prodotti. Il coordinamento delle due Commissioni è affidato a Pierfrancesco Cornacchia, che di esse è anche Presidente. Per verificare l’andamento dei prezzi a metà dell’anno è stato organizzato un incontro il 15 luglio, al quale sono intervenuti il Presidente della Camera di Commercio, Alberto Zambianchi e i componenti delle due Commissioni. Nel ringraziare tutti per il qualificato lavoro realizzato, Zambianchi ha sottolineato l’importanza del ruolo svolto con professionalità, imparzialità e competenza dai commissari, rappresentanti del mondo imprenditoriale organizzato, che nella quantificazione del “giusto prezzo” propongono un’affidabile base di trattativa per le operazioni commerciali di compravendita .

Cornacchia ha poi sinteticamente illustrato la situazione nel primo semestre 2013: riguardo al comparto suinicolo, nonostante ci sia stato un miglioramento delle quotazioni rispetto alla media dello stesso periodo negli anni precedenti, tale miglioramento/incremento è stato annullato dall’aumento dei costi di produzione (aumento delle materie prime, in particolare i mangimi, e adeguamento alle nuove normative europee) portando il settore ad affrontare una crisi senza precedenti. Queste circostanze, unitamente alla difficoltà di accedere al credito bancario, stanno accelerando i processi di contrazione della produzione nazionale, calata, nell’ultimo triennio, di circa il 20% come numero di capi (patrimonio), e con il rischio di perdere completamente alcune produzioni tutelate nazionali.

Anche per i Bovini, come per gli Ovini, si registra un calo del patrimonio nazionale, causato da problemi analoghi a quelli evidenziati per i suini (relativamente alla consistenza dei capi), con prezzi cedenti che oscillano attorno ai costi di produzione. La Seconda Commissione ha analizzato i prezzi agricoli (cereali, frutta, foraggi, sementi, ortaggi, ecc.): l’annata 2013 è stata caratterizzata da un andamento stagionale molto anomalo, che ha causato diversi problemi alle colture cerealicole (bietole, sorgo, mais), specialmente quelle con semina primaverile. Le trebbiature ancora in corso (quelle a semina autunnale, come grano e orzo), fanno prevedere un calo quantitativo nella produzione, oscillante tra il 20% e il 25% e una mediocre qualità del prodotto, rispetto al 2012.

Il comparto frutticolo ha risentito anch’esso della stagione sfavorevole (mancata “allegagione” o impollinazione, sviluppo di malattie a causa dei ritardati trattamenti, ecc.). I raccolti di Albicocche, Ciliegie e Pesche risultano notevolmente in diminuzione quantitativamente - di oltre il 30% - a fronte però di un prezzo soddisfacente. Fino ad oggi il maggior prezzo ha compensato la minor quantità. Anche il settore dei Foraggi - dopo un primo taglio scadente qualitativamente in quanto danneggiato dalle piogge prolungate ed insistenti, durate circa 45 giorni – fa prevedere un secondo taglio molto scarso: -30/35%,  però con prezzi remunerativi.

Tutti i commissari, infine, confermano che il bilancio del primo semestre dell’anno si può considerare negativo, ed esprimono forti preoccupazioni sia per la scarsità quantitativa dei raccolti in atto, sia per i problemi strutturali che riguardano da tempo le aziende, compresa l’eccessiva burocrazia. Conclude Cornacchia “possiamo purtroppo affermare e prevedere che andremo incontro a bilanci negativi in una annata agraria da dimenticare, ad eccezione del comparto vitivinicolo che continua a dare risultati positivi, sia per quantità, che qualità e prezzi, anche in funzione dell’esportazione”.

“Alla luce delle valutazioni specifiche ed articolate – dichiara Alberto Zambianchi -, con preoccupazione sottolineo che l’andamento assai negativo rilevato in agricoltura, contribuisce a rendere più critica la situazione economica provinciale, data l’importanza che il comparto ricopre; a tutto ciò va aggiunto il fatto che, oltre alla redditività aziendale, cala anche la consistenza delle imprese, calo acuito dalla durezza della lunga crisi”.

I componenti della Commissione prezzi bestiame bovino, suino ed ovino: Cornacchia Pier Francesco (Presidente), Brunelli Romano (Vice Presidente), Bagioni Primo, Bucci Fabio, Crociani Giovanni , Matassoni Paride, Mengozzi Giordano, Neri Mauro, Rosetti Armando, Torri Renzo, Trebini Angelo Gabriele, Zanetti Giuseppe. I componenti della Commissione prezzi cereali, foraggi, sementi, frutta e ortaggi: Cornacchia Pier Francesco (Presidente), Turroni Mario (Vice Presidente), Canali Roberto, Filippi Maurizio, Linguerri Giuliano, Mengozzi Enzo, Mengozzi Giordano, Partisani Stefano, Rosetti Armando, Ruffilli Aldo, Tozzi Sergio, Villa Giancarlo, Zagnoli Loretta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento