rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Economia

Saldi invernali, moderato ottimismo. Si punta alla qualità: "Premiati i negozi tradizionali"

“La ricerca di affidabilità e la grande attenzione al prodotto da parte dei consumatori – conclude Zattini - stanno premiando i negozi tradizionali, che sono in grado di affiancare alla qualità e alla convenienza un servizio sempre accurato e personalizzato

I risultati delle prime due settimane di saldi invernali, raccolti da Confcommercio Imprese per l’Italia Ascom Forlì  attraverso un’indagine condotta dal Centro studi Iscom Group, confermano i segnali di moderato ottimismo sull’andamento delle vendite in saldo già evidenziati nei primi giorni di svendite. Il monitoraggio è stato realizzato su un campione di imprese commerciali locali, composto in prevalenza da punti vendita di beni per la persona (in particolare abbigliamento e calzature).

L’indagine ha evidenziato, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un andamento delle vendite stabile per il 49% degli operatori, e in aumento per il 23%. Negli ultimi tre anni (dal 2013) è cresciuto del 15% il numero degli imprenditori che rileva un aumento nelle vendite del periodo, indicando una tendenza ad un progressivo miglioramento.

“I dati delle prime settimane dei saldi - commenta Alberto Zattini direttore di Confcommercio Forlì – confermano il moderato ottimismo degli operatori già registrato alla partenza. I saldi sono ancora un momento atteso dai consumatori, anche se l’atteggiamento è di grande prudenza in uno scenario di forte contenimento dei consumi e di propensione al risparmio da parte delle famiglie. Le spese in saldo sono sempre più razionali, con un’attenta valutazione dei prezzi e un’accorta programmazione degli acquisti”.

L’indagine conferma l’estrema attenzione al prezzo da parte della clientela (55%), la tendenza a comprare nei saldi lo stretto necessario (45%), la propensione a verificare il prezzo scontato (28%) e a concentrare i propri acquisti abituali esclusivamente nel periodo dei saldi (25%). Tra i prodotti più venduti vi sono soprattutto beni utili: per l’abbigliamento, capispalla (piumini, parka) e maglioni, in linea con le temperature rigide del periodo; per le calzature, scarponcini e stivali; tra gli accessori, oltre alle borse, si vendono bene anche sciarpe e berretti.

L’andamento della spesa in saldo riflette, anche se in maniera più contenuta, la leggera ripresa delle vendite: 49% degli operatori dichiara infatti stabilità e il 15% segnala aumenti di spesa da parte della clientela. Dall’esame dei dati del triennio si evince una progressiva stabilizzazione dell’andamento della spesa del periodo, con valori in tendenziale lieve miglioramento. I valori della spesa pro-capite si attestano in media sui 89 euro. Si registrano incrementi nelle fasce di spesa al di sotto di 25 e 50 euro, rispettivamente, a dimostrazione della crescente attenzione al prezzo da parte delle famiglie. Non mancano però incrementi anche nelle fasce di prezzo medio-alte, oltre i 200 euro, dovuti all’acquisto dei capispalla.

“La ricerca di affidabilità e la grande attenzione al prodotto da parte dei consumatori – conclude Zattini - stanno premiando i negozi tradizionali, che sono in grado di affiancare alla qualità e alla convenienza un servizio sempre accurato e personalizzato. La ricerca da parte di molti operatori, con il sostegno della nostra Associazione, di nuovi strumenti di comunicazione e di marketing, dimostra la volontà di innovarsi, per accrescere ulteriormente il  proprio appeal nei confronti di una clientela esigente”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi invernali, moderato ottimismo. Si punta alla qualità: "Premiati i negozi tradizionali"

ForlìToday è in caricamento