Articolo 18, i metalmeccanici incrociano le braccia

La mobilitazione si è svolta per iniziativa autonoma delle Rsu in centinaia di aziende, in cui si è aderito alla proclamazione di almeno 2 ore di sciopero effettuata lunedì dal Comitato Centrale della Fiom Cgil

Sono migliaia le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici che martedì, in Emilia Romagna, hanno manifestato contro il disegno del Governo di metter mano all'articolo 18 e a favore di un accordo che riduca la precarietà ed estenda la rete di diritti e di tutele attraverso una riforma universale degli ammortizzatori sociali. La mobilitazione si è svolta per iniziativa autonoma delle Rsu in centinaia di aziende, in cui si è aderito alla proclamazione di almeno 2 ore di sciopero effettuata lunedì dal Comitato Centrale della Fiom Cgil.

A Forlì lo sciopero si è svolto alla Electrolux, Bonfiglioli, Celli, Maraldi, Carpigiani, Croci, Giuliani. Nei prossimi giorni è in programma in altre imprese, tra le quali la Marcegaglia. La Fiom Cgil, comunica Gianni Scaltriti, segretario generale Fiom Emilia Romagna, “prosegue lungo la strada delineata dallo sciopero e dalla grande manifestazione del 9 marzo scorso. La mobilitazione continuerà nei prossimi giorni”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

  • Dopo la collisione cade sull'asfalto, le auto lo schivano: paura in A14 per un centauro

  • Oltre un milione di spettatori per il servizio sull'ospedale di Forlì in onda su Rai Tre

  • La "Panda" diventa un'auto stupefacente: la droga era nascosta nel pianale, tre arresti

Torna su
ForlìToday è in caricamento