Artigianato, la Regione promuove il pane e i prodotti da forno

Obiettivo la diffusione tra i cittadini, specie tra bambini e giovani, della consapevolezza sulla qualità dei prodotti artigianali. Le domande on line entro il 22 luglio

Laboratori, performance, presentazioni i libri, pubblicazioni, video, spettacoli e show cooking, degustazioni. Promuovere il pane in tutte le sue forme e derivati è l’obiettivo di un bando lanciato dalla Regione Emilia-Romagna, che assegna 100 mila euro per il 2020 a progetti promozionali e di valorizzazione del pane e dei prodotti da forno, proposti da associazioni di imprese artigiane di panificazione. La delibera, approvata dalla Giunta regionale, fissa anche al 16 ottobre di ogni anno la “Giornata del pane e dei prodotti  da forno”, in coincidenza con la Giornata mondiale sul tema, allo scopo di diffondere tra i cittadini, specialmente tra bambini e giovani, la consapevolezza della qualità del pane e dei prodotti da forno artigianali, sempre più importanti  nell’ambito dell’alimentazione quotidiana, come riscontrato dai consumi anche durante il lockdown dovuto al coronavirus.

I progetti potranno coinvolgere nelle azioni da realizzare istituzioni locali, Pro-Loco, Enti di ricerca e altri soggetti interessati alla valorizzazione del territorio e delle tradizioni culturali e gastronomiche. Per quanto riguarda il tipo di iniziative si potranno proporre giornate di apertura al pubblico dei forni per la realizzazione di dimostrazioni pratiche, laboratori didattici con il coinvolgimento delle scuole della regione, iniziative che diano risalto anche agli aspetti artistici, culturali e conviviali legati al pane con performance, spettacoli, stazioni narrative, presentazioni di libri e pubblicazioni. Previsto il sostegno anche a proiezioni di filmati, documentari, contributi audio-video, installazioni di design, workshop e laboratori didattici e dimostrativi, show cooking, forni a cielo aperto, degustazioni. Si potranno inoltre realizzare iniziative di carattere scientifico quali convegni, seminari e incontri divulgativi aventi a oggetto il pane e i prodotti da forno, le loro qualità nutrizionali, le tecniche di panificazione e produzione, le varietà regionali con particolare riferimento a quelle tradizionali e tipiche dell’Emilia-Romagna. I progetti promozionali e di valorizzazione dovranno obbligatoriamente prevedere il coinvolgimento, di almeno 50 imprese di panificazione, aventi sede in Emilia-Romagna e iscritte all’Albo Artigiani.

Le domande

Possono presentare richiesta di contributo le associazioni senza fini di lucro, in forma singola o associata, che tra le proprie finalità si prefiggano la promozione e valorizzazione del pane e dei prodotti da forno nonché la rappresentanza delle imprese di panificazione e dell’Albo delle Imprese artigiane (Aia). Le domande di contributo dovranno essere inoltrate all’indirizzo di posta elettronica certificata industriapmi@postacert.regione.emilia-romagna.it , entro e non oltre le ore 13 del 22 luglio. Nell’oggetto della Pec dovrà essere indicata la seguente dicitura: “Bando art. 6 legge regionale n. 21/2017” annualità 2020. La domanda e tutti gli allegati richiesti dovranno essere sottoscritti con firma digitale dal rappresentante legale del soggetto richiedente o da soggetto dotato di apposita procura speciale. Per informazioni: Sportello Imprese dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alleb13.00, tel. 848800258,  e-mail: imprese@regione.emilia-romagna.it.  Per eventuali informazioni telefoniche è inoltre possibile chiamare il seguente numero telefonico: 800/662200. La delibera verrà pubblicata sul sito https://imprese.regione.emilia-romagna.it/). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento