menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auto in piazza Saffi, Zambianchi rilancia: "Tentare una sperimentazione"

Continua a montare la polemica sul centro storico. Dice la sua Alberto Zambianchi, da poco riconfermato presidente della Camera di Commercio di Forlì-Cesena

Continua a montare la polemica sul centro storico. Dopo l'annuncio della gratuità dei parcheggi la sera e il sabato pomeriggio, come ogni anno, è arrivata la replica dei commercianti che hanno definito l'ordinanza del Comune un “palliativo” e che chiedono soluzioni più “coraggiose” ed un'apertura del centro storico alle auto. Nell'intervista rilasciata a Forlitoday, la presidente di Forlì nel Cuore, Giorgia Mughetti, si dice d'accordo con un'apertura di piazza Saffi alle auto. Dal Comune nessuno apre bocca, sia il sindaco, Roberto Balzani, che l'assessore Maria Maltoni, non vogliono rilasciare dichiarazioni. Dice la sua invece Alberto Zambianchi, da poco riconfermato presidente della Camera di Commercio di Forlì-Cesena

“Io dissi a suo tempo che vedevo di buon occhio sperimentazioni intelligenti, visto lo stato in cui versa, da una parte il centro storico, dall'altra tutto il comparto dell'artigianato. Si può sperimentare qualche varco per le auto in centro, senza ovviamente trasformare la piazza in un parcheggio, perchè sarebbe anti-storico”. Zambianchi fa il punto della situazione : “I dati del commercio sono molto brutti: nei primi mesi del 2013, rispetto allo stesso periodo del 2012, si sono verificati ulteriori cali della vendita al dettaglio, tra il 5% e l'8%”.

Ma la crisi c'è per tutti. “I problemi del centro storico di Forlì preesistevano a settembre del 2008, prima dell'inizio della grande crisi. Nel momento in cui si studiano iniziative, si deve tenere contro dei problemi dei centri storici medi. Vedere anche che cosa stanno facendo le città simili a Forlì, pere prendere spunti. I Mercoledì del cuore, ad esempio, hanno funzionato. Ora si deve cercare di apportare ulteriori correttivi. Tentiamo un esperimento, vediamo se va bene. In un momento di così grave difficoltà è necessario aprirsi a sperimentazioni”, rimarca Zambianchi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento