menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bando aeroporto, "proposte formali ancora non ce ne sono"

L’esercizio provvisorio della società aeroportuale Seaf in liquidazione è al centro di due interrogazioni della capogruppo dell’Udc Maria Grazia Bartolomei

L’esercizio provvisorio della società aeroportuale Seaf in liquidazione è al centro di due interrogazioni della capogruppo dell’Udc Maria Grazia Bartolomei. La consigliera ricorda, nel primo testo, che l’esercizio provvisorio della società in liquidazione autorizzato il 31/07 dal Comune di Forlì e dalla Provincia di Forlì- Cesena riguarda il periodo maggio-ottobre 2012, mentre i tempi del bando implicano una tempistica più lunga”.

Per questo si richiede di conoscere “se il liquidatore della società ha chiesto ai soci l’autorizzazione a prorogare la durata dell’esercizio provvisorio e se la stessa è stata concessa, fino a quando e con quale onere finanziario per i soci; qual è il conto economico dell’esercizio provvisorio nel periodo maggio-settembre 2012 e quali pareri ha espresso nel merito l’organo di revisione della società; qual è il compenso fissato per il liquidatore e quali sono i costi per le consulenze affidate dalla società a far data dall’avvio della gestione liquidatoria; quali sono i costi da sostenersi per l’annunciata campagna di sostegno promozionale del bando; se sono state effettuate verifiche sulla solidità finanziaria del vettore Wizz Air, operante attualmente sullo scalo forlivese;  quali rotte il liquidatore intende far restare attive per il periodo invernale; quali sono gli intendimenti della Regione Emilia-Romagna, espressi o da esprimersi direttamente e/o per il tramite di Sar, circa il finanziamento dell’esercizio provvisorio”.

Con una seconda interrogazione, inoltre, si domanda su un ulteriore punto del bilancio: Il consiglio provinciale era stato informato che la società Seaf presentava un deficit di 1.081.882,31 euro al momento della messa in liquidazione e che l’esercizio provvisorio della società in liquidazione per il periodo maggio-ottobre 2012 avrebbe comportato un ulteriore sbilancio per 1.600.000 euro, somma peraltro ritenuta prudenziale e quindi in grado di coprire anche il bimestre successivo, mentre sul “Carlino Forlì” viene riportata una stima di un deficit di Seaf al 31dicembre pari a oltre 3,6 milioni di euro e se ne attribuisce la paternità alla società di consulenza incaricata dal liquidatore”. In questo caso “si richiede di conoscere se quanto riportato dalla stampa risponde al vero e le ragioni di questo inaspettato incremento di deficit rispetto a quanto sin qui prospettato”.

Risponde ad entrambi i documenti l’assessore alle Società partecipate Maurizio Castagnoli: “Ho chiesto in particolare a Roveroni di fornirmi tutta una serie di dati ma questi dati non sono disponibili in questo momento. Ci incontreremo il 27 novembre come soci, assieme al liquidatore, e successivamente in sede di commissione potremo avere dei dati di bilancio, a partire dal giorno 28. Sul bando sono in atto azioni per far conoscere agli operatori del settore la rilevanza di questo aeroporto. Proposte formali ancora non ce ne sono, ma è normale in quanto di solito arrivano negli ultimi giorni”. Replica la consigliera Bartolomei: “La questione è stata già posta ed elusa in precedenti interrogazioni e queste domande sono arrivate oltre un mese fa. La commissione sul tema si poteva convocare prima. E’ giusto che il Consiglio controlli il lavoro del liquidatore”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento