menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blocco del traffico anticipato. Confesercenti scatena la polemica

Una nuova polemica tra associazioni di categoria e Comune. Confesercenti punta il dito contro le amministrazioni comunale, provinciale e regionale per l'arrivo del blocco del traffico già da giovedì

Una nuova polemica tra associazioni di categoria e Comune. Confesercenti punta il dito contro le amministrazioni comunale, provinciale e regionale per l'arrivo del blocco del traffico già da giovedì, come richiesto dalla Regione, che aveva proposto di cominciare già dal 19 dicembre. Nella nota del direttore, Giancarlo Corzani viene sottolineato che i “commercianti ed artigiani del centro storico, sono costretti in tempi a dir poco difficili a rinunciare, di fatto, ad importanti giornate di lavoro”.

L'anticipo dei blocchi, secondo l'associazione di categoria non serve a nulla. “Il rapporto sulla qualità dell’aria della provincia di Forlì-Cesena non mente e quindi nel nostro territorio  vi è una elevata criticità costituita dal particolato fine PM10. Il problema è serio, come grave è l’impotenza dimostrata al riguardo dalla Regione, dalle Province e dai Comuni. Infatti da anni gli amministratori  eletti non riescono a produrre altro se non interventi che loro stessi dichiarano essere “non sufficienti a conseguire l’obiettivo” del riallineamento dei valori di qualità ambientali. Ciò nonostante continuano a perseguire questi provvedimenti sostanzialmente inefficienti, poiché,  a parere loro,  determinano un “contenuto disagio per la società regionale””.


“Se il disagio è contenuto o meno, - si legge appunto nella nota - provino a chiederlo a commercianti ed artigiani del centro storico, costretti in tempi a dir poco difficili a rinunciare, di fatto, ad importanti giornate di lavoro. Provino a mettersi per strada e vedere dove sono le concentrazioni di traffico, rilevino i dati del PM10 sulla Via Emilia o in autostrada o in prossimità dei centri commerciali e poi  li confrontino con i dati di vie e piazze del centro storico, purtroppo non troppo frequentate anche in questo periodo. In realtà questi dati li conoscono benissimo, ma  sorvolano.L’unica cosa veramente contenuta, nella vicenda, è la capacità politica di questi amministratori, che da anni girano a vuoto e hanno dimostrato di non essere all’altezza del problema”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento