menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campo prova macchine agricole in Punjab, atto secondo

Nella giornata del 13 marzo sono in programma incontri d’affari tra le aziende partecipanti alle prove in campo e controparti indiane (importatori, distributori, produttori macchinari)

Agevolare la penetrazione commerciale sul mercato indiano delle imprese regionali produttrici di macchine agricole. E’ l’obiettivo del ‘Progetto Campo prova Punjab’, realizzato Regione, FederUnacoma (Federazione Nazionale Costruttori Macchine per l’Agricoltura) e IICCI (Indo-Italian Chamber Of Commerce & Industry), in partenariato con Unioncamere e Camere di commercio dell’Emilia-Romagna.

E’ la seconda occasione che viene proposta l’iniziativa volta a far conoscere agli operatori indiani l’ampiezza della gamma, l’adattabilità, la qualità e l’efficienza di funzionamento delle macchine ed attrezzature per l’agricoltura, della relativa componentistica e dei macchinari per l’agroindustria e il food processing prodotte in Italia ed in particolare in Emilia-Romagna.

Le imprese emiliano-romagnole interessate ad inviare in India i macchinari per l’utilizzo nel “campo prova” hanno ancora qualche giorno di tempo per aderire: scade infatti mercoledì 22 gennaio il termine per inviare il modulo di iscrizione scaricabile dall’home page del sito di Unioncamere Emilia-Romagna all’indirizzo www.ucer.camcom.it.

Come nel 2013, si svolgeranno dimostrazioni su un’area, composta da terreni di lavorazione, messa a disposizione dalla Punjab Agricultural University di Ludhiana (www.pau.edu), una delle più importanti Università agrarie indiane nelle stesse date, 14 e 15 marzo, in cui si terrà il Kisan Mela, fiera dedicata agli agricoltori in grado di attrarre oltre 250.000 visitatori dal Nord dell’India.

Nella giornata del 13 marzo sono in programma incontri d’affari tra le aziende partecipanti alle prove in campo e controparti indiane (importatori, distributori, produttori macchinari). La seconda edizione del “campo prova in Punjab” punta ripetere il successo della precedente.

“Continuano le iniziative e le azioni di supporto all’apertura di un mercato delle macchine agricole nel Punjab –  dichiara Alberto Zambianchi, presidente della Camera di Commercio di Forlì-Cesena che ha rappresentato il sistema camerale in India per due volte nel 2013 – Questa iniziativa ci consente di  tenere vivo il dialogo con le istituzioni, le Università, le associazioni di categoria, gli imprenditori agricoli e industriali indiani. Si lavora insieme in una ottica di sistema”.

Attraverso il network di Università agrarie a cui la Punjab Agricultural University appartiene, si prevede inoltre di realizzare, nel corso del biennio 2014-2015 e compatibilmente con le operazioni colturali ed i calendari di eventi delle varie università, ulteriori eventi di dimostrazioni dal vivo nei diversi Stati dell’India (principalmente Tamil Nadu e Gujarat).

Le aziende che parteciperanno al progetto avranno poi a disposizione uno spazio alla prossima Eima International (Bologna, 12 – 16 novembre), in un’area appositamente dedicata al progetto Eima Show Punjab – India e di primissima rilevanza, entro cui esporre un modello simile a quello inviato in India per le prove.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento