rotate-mobile
Caro bollette

Caro bollette, le imprese spengono le luci. "Serve l'aiuto della Camera di Commercio"

"In un momento come questo non si può stare immobili neanche a livello locale, aspettando azioni da parte del governo", evidenzia Zattini

La crescita inarrestabile del costo dell’energia si sta abbattendo in modo sulle famiglie, ma anche sulle imprese del terziario di mercato, dei servizi e della distribuzione moderna. Mercoledì - in occasione di una conferenza stampa nella sede nazionale della Confcommercio - l'associazione di categoria dei commercianti insieme a Conad, Coop e Federdistribuzione hanno organizzato una manifestazione per sensibilizzare il mondo della politica e delle istituzionali: dalle 12 il mondo del commercio spegnerà per 15 minuti le luci per "far comprendere come questa situazione sia una vera e propria emergenza economica e sociale".

"Mi auguro che aderiscano tutte le attività del terzario del Forlivese, quindi spero anche in tutti i punti vendita di Conad e Coop, raccogliendo l'invito dei vertici nazionali", sono le parole di Alberto Zattini, direttore di Ascom-Confcommercio. "Stiamo vivendo un momento di straordinaria difficoltà ed una drammatica emergenza - ribadisce Zattini -. In un momento come questo non si può stare immobili neanche a livello locale, aspettando azioni da parte del governo".

Il messaggio del direttore di Ascom-Confcommercio è indirizzato alla Camera di Commercio della Romagna: "Sono a rischio centinaia di imprese e posti di lavoro, e l'ente camerale può rivedere i propri programmi a medio e lungo termine, destinando immediatamente risorse importanti per questa emergenza. Se non viene affrontata in modo adeguato si corre il rischio di frantumare l'economia territoriale". 


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro bollette, le imprese spengono le luci. "Serve l'aiuto della Camera di Commercio"

ForlìToday è in caricamento