menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Salute e sicurezza sul lavoro, Hera ottiene una certificazione sociale

Una certificazione per garantire condizioni di lavoro eccellenti. In cui siano tutelate e promosse salute e sicurezza. Dove vi sia assenza di ogni discriminazione, di lavoro minorile

Una certificazione per garantire condizioni di lavoro eccellenti. In cui siano tutelate e promosse salute e sicurezza. Dove vi sia assenza di ogni discriminazione, di lavoro minorile. Dove siano garantiti sviluppo e valorizzazione delle competenze, formazione e crescita professionale, libertà di associazione. Sono questi i principali temi affrontati con la certificazione SA8000 assegnata da DNV, ente di accreditamento fra i leader mondiali del settore, a Hera Spa.

Lo standard SA8000, che Hera ha adottato volontariamente, definisce i requisiti del sistema di  responsabilità sociale di un’azienda: prevede lo sviluppo di un sistema di gestione che promuove condizioni lavorative socialmente accettabili e in continuo miglioramento. Questo non solo con riferimento all’azienda stessa, ma anche rispetto alla catena dei fornitori e dei subfornitori, dunque alle imprese che operano per conto di Hera e dei suoi fornitori.

Ancora più attenzione nella selezione e valutazione dei fornitori
Con questa certificazione, Hera deve quindi monitorare l’impegno alla responsabilità sociale dei propri fornitori, compresi i subfornitori, a partire da adeguate procedure per la loro selezione e valutazione, per sviluppare comportamenti conformi ai requisiti SA8000 da parte di tutte le imprese. Si tratta quindi di un ulteriore strumento di presidio, miglioramento e qualificazione del rapporto con il mondo dei fornitori. Oggi, dopo un profondo lavoro di revisione di linee guida e standard di Gruppo, tutti i documenti contrattuali contengono clausole mirate alla corretta applicazione dei requisiti SA8000. Sono state definite inoltre, per le forniture più sensibili rispetto ai requisiti SA8000, modalità più articolate e impegnative, come la richiesta di compilazione da parte delle aziende fornitrici di un questionario specifico e l’accettazione di verifiche ispettive presso le sedi o i cantieri in cui si svolgono lavori o servizi per conto di Hera.

L’impatto sul tessuto sociale
L’Azienda intende fare del sistema di gestione SA8000 una leva per agire nei confronti dello stesso tessuto sociale con cui direttamente o indirettamente interagisce, sia nel proprio territorio sia al suo esterno. Per Hera, che da anni ha fatto della responsabilità sociale un obiettivo strategico, è  fondamentale collaborare con fornitori che sappiano garantire, nei confronti dei propri lavoratori, comportamenti coerenti non solo con le norme di legge e le regole contrattuali, ma anche con i più impegnativi requisiti della SA8000.

Un percorso coerente per il rafforzamento della responsabilità sociale dell’azienda
La scelta di adottare un sistema di gestione SA8000 si inserisce coerentemente nel percorso di rafforzamento delle politiche e degli obiettivi di responsabilità sociale d’impresa. Tra i principali obiettivi che Hera ha assunto con la SA8000 va evidenziata la volontà di ribadire il proprio impegno per la sicurezza sul lavoro, un’ulteriore attenzione alle pari opportunità e alla valorizzazione delle diversità e l’apertura di un ulteriore canale di dialogo con i lavoratori, sia verso i singoli sia verso le organizzazioni sindacali. Inoltre, il monitoraggio fornitori si è già concretizzato nella richiesta a tutte le 3.700 imprese fornitrici del gruppo di una dichiarazione formale di impegno al rispetto dei requisiti SA8000 (già pervenute dal 95% dei fornitori), nella compilazione da parte di 58 tra i principali fornitori individuati da Hera di un questionario di monitoraggio delle condizioni di lavoro e nella verifica ispettiva presso le sedi di 8 importanti aziende fornitrici.

Chiarini: “garantire le migliori condizioni di lavoro, più controllo dei fornitori”
“Questa certificazione è di particolare importanza per noi”, spiega Maurizio Chiarini, Amministratore Delegato Hera. “La scelta di adottare un sistema di gestione SA8000 si inserisce a pieno titolo nel percorso intrapreso dal Gruppo nella responsabilità sociale d’impresa e rappresenta un ulteriore strumento per garantire le migliori condizioni di lavoro. Già dal 2005, attraverso indagini sul clima interno, abbiamo intrapreso un percorso di ascolto e coinvolgimento di tutti i lavoratori per definire precisi obiettivi di miglioramento, consapevoli che la soddisfazione dei lavoratori rappresenta un asset strategico per l’impresa. Inoltre, la SA8000 ci consente di rafforzare il nostro impegno nel controllo dell’eticità e correttezza sociale che i nostri fornitori hanno nei confronti dei propri lavoratori”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento