menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Niente più vacanze per le attività commerciali: solo 1 su 4 chiude in agosto

Il riposo per molti commercianti, già da anni, è cambiato: non si sceglie più di abbassare la saracinesca per 1 o più settimane ma di limitarsi all’apertura del mattino oppure di posticipare quella del pomeriggio intorno alle 17

Niente strade deserte e saracinesche abbassate in agosto. E’ quanto emerge dai dati raccolti da Confcommercio Imprese per l’Italia Ascom Forlì attraverso un sondaggio, su un centinaio di imprese nel territorio forlivese, condotto dal Centro Studi Iscom Forlì. Sono sempre meno, infatti, i negozi e i pubblici esercizi che chiudono per le ferie estive, basta  un rapido giro nelle strade per accorgersi che, contestualmente all’aumento delle persone che, per scelta o per forza, sono rimaste a casa, è cresciuto anche il numero dei negozi e non solo di alimentari  che tengono le saracinesche alzate.  

Il riposo per molti  commercianti, già da anni, è cambiato: non si sceglie più di abbassare la saracinesca per 1 o più settimane ma di limitarsi all’apertura del mattino oppure di posticipare quella del pomeriggio intorno alle 17 oppure di limitarsi alla sola chiusura del sabato pomeriggio.  Dal sondaggio è inoltre emerso che solo un’attività su quattro chiuderà durante il mese di agosto  mentre una su due si limiterà  a  qualche giorno di chiusura durante la settimana di Ferragosto.

“Le imprese commerciali subiscono in modo particolare le conseguenze della crisi economica e la pressione fiscale non dà tregua- conclude Alberto Zattini Direttore di Confcommercio Forlì – le scadenze di metà agosto fanno si che molti esercenti dunque  preferiscano acquisire liquidità per far fronte con più tranquillità alle scadenze fiscali” 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento