menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
orenzo Zanotti, Presidente CNA Forlì città e Riccardo Guardigli, Responsabile CNA Forlì città

orenzo Zanotti, Presidente CNA Forlì città e Riccardo Guardigli, Responsabile CNA Forlì città

Cna Forlì città verso il rinnovo degli organi dirigenti

Come cambia il tessuto economico locale e come la rappresentanza delle imprese? Lo si scoprirà tra pochi giorni, in occasione di un appuntamento molto importante per Cna Forlì città: l’Assemblea elettiva

Come cambia il tessuto economico locale e come la rappresentanza delle imprese? Lo si scoprirà tra pochi giorni, in occasione di un appuntamento molto importante per Cna Forlì città: l’Assemblea elettiva, che avrà il compito di eleggere il futuro gruppo dirigente dell’Associazione. L’incontro, intitolato “Il nostro futuro: la nostra responsabilità”, vedrà tra i suoi partecipanti: Lorenzo Zanotti, presidente di CNA Forlì città; Riccardo Guardigli, responsabile di Cna Forlì città; Enzo Cortesi, presidente di Cna Forlì-Cesena. Appuntamento dunque lunedì alle ore 20.30 al Grand Hotel di Forlìm in via del Partigiano.

La crisi senza precedenti che sta minando le strutture economiche e sociali del nostro territorio impone a qualunque organizzazione il tema del cambiamento. Il sistema delle imprese rivendica bisogni nuovi, che solo strutture in grado di mettersi in discussione ogni giorno possono soddisfare. Cna ci prova, in questo momento, e si propone come un interlocutore capace di nuove letture e nuove proposte. Un’Associazione come Cna, che è la più grande della provincia ed è aperta a tutte le tipologie di imprese e professionisti, è per sua natura uno spaccato assai rappresentativo del tessuto economico del nostro territorio. È interessante, quindi, osservare come, nel giro di pochi anni, sia cambiata la composizione della sua base associativa.

L’artigianato costituivano in pratica l’unica tipologia di impresa rappresentata da Cna fino agli anni 80 del secolo scorso. Nel 2008 l’incidenza delle imprese artigiane era scesa a poco più del 70%; oggi non supera il 62%. Questo è il frutto di importanti scelte associative, che hanno portato Cna a rivolgersi efficacemente ad un pubblico nuovo, fatto di piccole industrie, imprese commerciali, professionisti e persino cittadini. Tutti soggetti che chiedevano risposte nuove a nuovi bisogni.

Un altro dato: le imprese commerciali rappresentate da Cna Forlì città sono nell’arco di quattro anni quasi raddoppiate, passando da 139 a 240, con un’incidenza che ha raggiunto quasi il 10% sul totale delle imprese associate. La crisi non ha modificato l’incidenza delle piccole industrie stabili sul 6%, mentre tutte le tipologie di attività legate ad altre forme di lavoro autonomo, come i professionisti, da poco più di 400 sono passate a oltre 540.

Cna deve essere pronta a cambiare pelle fin dai suoi organi dirigenti se vuole essere percepita dai nuovi soci quale “la loro associazione”. Cna riempie un vuoto, poiché rappresenta un mondo variegato ma coeso, che ha quale denominatore comune la cultura del lavoro autonomo e dell’impresa. Non è un caso che scorrendo le professioni dei candidati alle prossime elezioni per il rinnovo degli organi spicchino attività quale “archeologo” o “ricerca aerospaziale”, accanto ad artigiani impegnati a salvaguardare la tradizionale stampa a ruggine su tela. CNA è ormai tutto questo: un’associazione che avrà tra i suoi dirigenti manager di imprese con più di cento dipendenti, ma anche traduttrici, imbianchini e autotrasportatori.

Cambia la società, cambia il mondo, deve cambiare la rappresentanza, devono cambiare di conseguenza le Associazioni del mondo economico. La mission di Cna è lo sviluppo armonioso del territorio. È un tessuto socio-economico efficiente, ma solidale. È vedere il cittadino, oltre all’imprenditore. È guardare al futuro, con fiducia, senza dimenticare da dove veniamo.

CNA Forlì città - 4.100 Imprenditori associati, di cui oltre 900 giovani, 1.150 donne e 140 stranieri. E poi i servizi: 1.100 contabilità, 4.900 dichiarazioni dei redditi e 4.200 cedolini elaborati mensilmente. Ma anche 2.760 pensionati associati. Questi i numeri dell’area territoriale Cna Forlì città, nata nel gennaio 2012 con il nuovo modello organizzativo di cui si è dotata Cna Forlì-Cesena. Una rappresentanza importante, che pone Cna come la più importante Associazione di imprese del territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento