Economia

Slitta la riapertura di bar e ristoranti, Confcommercio: "Danno gravissimo. Siamo vicini al collasso"

Da Confcommercio un appello al presidente della regione Stefano Bonaccini, ai presidenti della provincia, ai sindaci, ai parlamentari locali, ai consiglieri regionali

"Forte delusione per le decisioni del presidente del Consiglio Giuseppe Conte". E' quanto afferma il presidente di Confcommercio Forlì, Roberto Vignatelli, secondo il quale "il posticipo delle riaperture di esercizi commerciali (dal 18 maggio) e pubblici esercizi, stabilimenti balneari nonché delle attività legate al turismo (dal 1 giugno) è un danno gravissimo per il sistema economico che mette a repentaglio migliaia di posti di lavoro e l’esistenza stessa di migliaia di imprese".

"Le aziende del commercio, turismo e servizi sono invece pronte ad aprire in piena sicurezza, rispettando le norme nazionali - prosegue Vignatelli -. Ogni giorno di riapertura rinviato determina un ulteriore aggravio per le imprese, già vicine al collasso. Non sono più derogabili rinvii di misure per indennizzi a fondo perduto per le imprese, e blocco totale delle tassazioni locali. Lanciamo un appello al presidente della regione Stefano Bonaccini, ai presidenti della provincia, ai sindaci, ai parlamentari locali, ai consiglieri regionali perché si facciamo concretamente portavoce delle istanze delle imprese che sono al limite della sopravvivenza".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Slitta la riapertura di bar e ristoranti, Confcommercio: "Danno gravissimo. Siamo vicini al collasso"

ForlìToday è in caricamento