Economia

Confindustria commissariata: nominato il "comitato di reggenza"

Si sta consumando nel totale silenzio - senza neanche la più flebile voce di una comunicazione ufficiale da nessuna delle parti – il commissariamento di Confindustria Forlì-Cesena

Si sta consumando nel totale silenzio - senza neanche la più flebile voce di una comunicazione ufficiale da nessuna delle parti – il commissariamento di Confindustria Forlì-Cesena. Il provvedimento, che arriva dai vertici nazionali della massima rappresentanza degli imprenditori industriali, è l'epilogo di una vicenda che dura ormai da anni e che vede l'organizzazione di Forlì-Cesena in un “braccio di ferro” estenuante sulla fusione romagnola, portata avanti per ora solo da Ravenna e Rimini.

Nessuno dei sostenitori dell'una o dell'altra tesi ha mai portato alla luce, punto per punto, le ragioni del sostegno dell'autonomia piuttosto che della fusione, ampliando così un dibattito che – riguardando la maggiore imprenditoria romagnola – sarebbe dovuto essere patrimonio di tutto un territorio. Dalle ultime indiscrezioni di stampa, pubblicate sul “Corriere Romagna” giovedì mattina, viene indicata anche la nomina del comitato di reggenza in carica fino alla fine di settembre, periodo entro il quale si cercherà di dare un nuovo assetto alla Confindustria locale. Formano il comitato di reggenza gli imprenditori: Giorgio Cangini (Canginibenne srl), Sara Fusco (Fusco Packing Engineering srl), Andrea Maremonti (Alea Fashion Industries), Davide Stefanelli (Vem Sistemi) e Riccardo Tura (Dorelan).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confindustria commissariata: nominato il "comitato di reggenza"

ForlìToday è in caricamento