Coronavirus, l'Ugl: "Chiudere le fabbriche non in regola con le prescrizioni sanitarie"

Lo annuncia il segretario regionale Emilia-Romagna dell'Ugl Metalmeccanici, Francesco Stavale

Dopo aver proclamato lunedì uno sciopero di 8 ore in tutti i turni di lavoro del settore industriale metalmeccanico, la segreteria dell'Ugl Metalmeccanici dell'Emilia-Romagna, "nel ribadire che le misure messe in campo dal Governo sono state tardive, prive di pianificazione, e discriminatorie fra l'obbligo di chiusura di alcuni comparti e il mantenimento dell'attività in altri non strategici", chiede – su indicazione della segreteria nazionale - "di fermare anche a livello locale la produzione non strategica, per 10 giorni lavorativi dal 16 al 27 marzo 2020, invitando le aziende a fruire di tutti gli ammortizzatori sociali previsti dagli ultimi DPCM". Lo annuncia il segretario regionale Emilia-Romagna dell'Ugl Metalmeccanici, Francesco Stavale.

"Diversamente, la Ugl Metalmeccanici si riserva di proclamare lo stato di agitazione fino al 27 marzo 2020, oltre che segnalare, agli organi competenti, le eventuali irregolarità che dovessero riscontrarsi nelle singole aziende - prosegue Stavale -. La Ugl Metalmeccanici ribadisce con convinzione che al fine di limitare l’ulteriore contagio del virus Covid-19, vadano chiuse a livello nazionale e su scala regionale, e dunque anche in Emilia-Romagna, tutte le attività non strettamente collegate alle esigenze primarie di vita e che non possano garantire standard di sicurezza adeguati a tutela dei lavoratori e delle loro famiglie".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ad oggi, abbiamo verificato che molte aziende italiane del comparto metalmeccanico hanno compiuto sforzi enormi per contenere al massimo le possibilità di contagio, riducendo la presenza dei lavoratori nelle aziende attraverso l’utilizzo dello smart working, e riorganizzando il lavoro su piu’ turni ponendo in essere tutte quelle misure precauzionali previste dai protocolli emanati dal Ministero della Salute che incentivavano l’utilizzo di mascherine, guanti e l’installazione di presidi disinfettanti - continua Stavale -. Tuttavia, svariate aziende, per volontà o per impossibilità non sono riuscite ad ottemperare alle misure imposte dal ministero. E poi ci sono altre aziende che prediligono il profitto a tutti i costi pur di non salvaguardare la salute dei lavoratori. Dunque per tutelare i diritti degli operai e garantire che il contagio del virus Covid-19 non si possa propagare nelle fabbriche chiediamo che si disponga un'esatta mappatura della situazione e nei suddetti di mancata adozione delle prescrizioni governative, pur comprendendo il forte disagio che si andrà ad arrecare, chiediamo che si provveda alla chiusura , seppur momentanea, di queste aziende".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento