menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid ed crisi economica, Vignatelli (Confcommercio): "Servono indennizzi immediati e meno burocrazia"

Il presidente di Confcommercio-Ascom Forlì, Roberto Vignatelli, sposa il richiamo "giusto e opportuno", del presidente dell’Associazione Bancaria Italiana Antonio Patuelli

"In questa prolungata emergenza pandemica Covid-19, alle imprese e al mondo produttivo in generale cioè a quel sistema che fa andare avanti l’economia del nostro Paese servono indennizzi immediati, adeguati e semplici, ristori a fondo perduto, moratorie fiscali, flessibilità nei pagamenti, minor burocrazia.
Non solo. In una situazione di assoluta incertezza per le imprese che non sanno che cosa faranno domani a causa di ordinanze regionali e Dpcm che si accavallano nel giro di 48 ore, il credito alle imprese e le regole per i rimborsi assumono una rilevanza prioritaria per la quasi totalità delle imprese che ad esso fanno ricorso, determinandone l’esistenza o la scomparsa dal panorama economico". Il presidente di Confcommercio-Ascom Forlì, Roberto Vignatelli, sposa il richiamo "giusto e opportuno", che "va sostenuto ai più alti livelli", del presidente dell’Associazione Bancaria Italiana Antonio Patuelli, che ha invitato a modificare il meccanismo del ‘calendar provisioning’ previsto dalla normativa europea e del nuovo concetto di defaut secondo i quali rischiano di essere dichiarate insolventi le imprese in debito anche di soli 500 euro. 

"In sostanza dal 1 gennaio 2021 per un credito scaduto superiore a 90 giorni se l’importo supera i 100 euro per i privati, o 500 euro per le imprese si entra nella lista dei cattivi pagatori - spiega Vignatelli -. Bene ha fatto il Presidente Patuelli a sollevare ora questo problema e a chiederne la modifica perché ciò di cui oggi non abbiamo assolutamente bisogno è la rigidità di meccanismi decisi alcuni anni fa in sede europea che, se applicati, determinerebbero irrimediabilmente la scomparsa di migliaia di imprese. Non so se a tutti è chiara la situazione, ma siamo di fronte ad una delle crisi più gravi, difficili e complesse della nostra storia, una crisi che riusciremo a superare solo con la programmazione e il coordinamento di azioni incisive, forse mai attuate prima di ora: se non ci saranno è a rischio la tenuta economica e sociale del Paese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento