Crescono le imprese straniere a Forlì-Cesena, Albania davanti a tutti: "Dinamismo imprenditoriale"

E' quanto emerge dal focus realizzato dalla Camera di Commercio. "L’aumento delle imprese straniere è un fenomeno consolidato e in costante crescita"

Crescita annua delle imprese straniere attive, solo lievemente inferiore all’incremento regionale e in linea con la variazione positiva nazionale. L’aumento riguarda tutti i principali settori economici: costruzioni, commercio, manifatturiero, alloggio e ristorazione, trasporti, servizi alle imprese e alle persone. Ottimi anche i risultati nel medio periodo nonché la performance delle società di capitale. 

Crescono le imprese straniere attive nella provincia di Forlì-Cesena. E' quanto emerge dal focus realizzato dalla Camera di Commercio. "L’aumento delle imprese straniere è un fenomeno consolidato e in costante crescita, dimostrando un dinamismo imprenditoriale che ha certamente ricadute positive sul nostro tessuto economico – dichiara Alberto Zambianchi, presidente della Camera di commercio della Romagna –. Occorre, inoltre, tenere conto che il lavoro in generale, ma ancora di più quello autonomo favorisce l’integrazione e la coesione sociale e ciò può essere letto solo in termini positivi per il territorio. Naturalmente, è anche un fenomeno complesso, che richiede un monitoraggio costante e azioni che, da una parte sostengano gli imprenditori stranieri nell’accesso e nell’esercizio della loro attività e, dall’altro lato, garantiscano il rispetto delle regole e della legalità da parte di tutti".

Al 31 dicembre scorso in provincia di Forlì-Cesena si contavano 3.539 imprese straniere attive che costituiscono il 9,7% del totale delle imprese attive (12,3% in regione e 10,7% a livello nazionale).

Nel confronto con il 31 dicembre dell'anno precedente si riscontra un aumento delle imprese straniere del 2,3%, sostanzialmente in linea con la variazione positiva regionale (+2,4%) e superiore all’incremento nazionale (+1,9%). Buona anche la crescita nel medio periodo: +12,0% rispetto al 31 dicembre 2014.

I principali settori economici risultano, nell’ordine "Costruzioni" (37,0% delle imprese straniere), "Commercio" (26,2%), "Industria Manifatturiera" (10,4%), "Alloggio e ristorazione" (7,7%), "Altre attività di servizi" (prevalentemente servizi alle persone) (5,1%) e "Trasporti" (4,0%). In riferimento a questi, la crescita annua più alta registrata riguarda le "Altre attività di servizi" con un +8,3%; seguono i "Trasporti" (+6,8%), le "Costruzioni" (+2,7%), "Alloggio e ristorazione" (+1,9%) e il "Manifatturiero" (+1,4%), mentre calano lievemente le imprese straniere dedite al segmento "Commercio" (-0,4%).

I settori con la più alta incidenza percentuale delle imprese straniere sul totale delle imprese attive sono le "Costruzioni" (23,6%), il "Commercio" (11,6%), i "Trasporti" (10,7%) e il "Manifatturiero" (10,4%).

Riguardo alla natura giuridica prevalgono nettamente le imprese straniere individuali (84,2% del totale), seguite dalle società di capitale (8,8%) e società di persone (6,5%); nel confronto con l’anno precedente, crescono sia le imprese individuali (+1,3%), sia le società di persone (+4,6%) che, soprattutto, le società di capitale (+10,6%).

In un contesto di analisi territoriale, si evidenzia come più della metà delle imprese straniere provinciali (il 54,5%) si trovano nei comuni di Forlì (33,0%) e Cesena (21,5%), ossia nei “Grandi centri urbani”; buona anche la presenza nei comuni di Cesenatico (8,9%), Forlimpopoli (2,6%) e Bertinoro (1,8%), ossia nei cosiddetti “Comuni di cintura” (totale 13,3%), e di Savignano sul Rubicone (7,3%), Gatteo (4,4%), San Mauro Pascoli (3,9%), Gambettola (2,6%) e Longiano (1,4%) (”area del Basso Rubicone”, totale 19,6%). Ad essi vanno aggiunti i comuni di Meldola (2,3%) (Valle del Bidente), Castrocaro Terme e tera del Sole (1,6%) (Valle del Montone), Mercato Saraceno (1,3%) e Bagno di Romagna (1,2%) (Valle del Savio).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In sintesi, il 55,1% delle imprese straniere attive si trova nel comprensorio di Cesena e il 44,9% nel comprensorio di Forlì.
In merito, infine, alle nazionalità, i principali Paesi di provenienza degli imprenditori stranieri sono, rispettivamente, l’Albania (535 imprese), la Cina (360), la Romania (346), il Marocco (316) e la Tunisia (197); in termini di incidenza percentuale, i suddetti Paesi raggiungono il 58,9% del totale straniero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • Saette, tuoni e brusco calo delle temperature. E c'è una nuova allerta temporali

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

  • Saetta colpisce e incendia un'insegna pubblicitaria sulla Cervese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento