rotate-mobile
Economia Modigliana

Crisi Alpi di Modigliana, raggiunta l'intesa sulla Cassa Integrazione

Lunedì sera, intorno alle 22, dopo diverse ore di confronto, è stato sottoscritto in Provincia dalle parti interessate un accordo sulla vertenza dell'azienda Alpi di Modigliana.

Nella tarda serata di lunedì presso la sede dell’Amministrazione Provinciale di Forlì – Cesena alla presenza: Azienda ALPI, Unindustria, Regione Emilia Romagna, Provincia Forlì Cesena, Sindaci e Amministratori del Comune di Modigliana, Tredozio e Marradi,  CGIL CISL UIL Confederali e di categoria, unitamente alla RSU degli stabilimenti Legno e Linteco è stato raggiunto un importante accordo per la gestione della vertenza Alpi.

"Risultato raggiunto grazie alla determinazione all’adesione allo sciopero e alla partecipazione dei lavoratori al presidio tenutosi nella mattina stessa davanti ai cancelli dell’azienda. La delegazione sindacale ha avuto così la forza e gli argomenti per far cambiare idea all’Azienda definendo strumenti e tempistica per la gestione degli esuberi in linea con quanto sostenuto dai lavoratori e dalle Organizzazioni Sindacali. L’intesa preliminare dell’accordo prevede la CIGS in deroga, oggi siglata sino al 31 marzo 2014, prorogabile di 3 mesi in 3 mesi sino al 31 dicembre 2014 (nel rispetto dell’accordo Emilia Romagna del 23/12/2013)" si legge in una nota dei sindacati.

"L’accordo inoltre prevede che la procedura di mobilità aperta per 242 lavoratrici/lavoratori, si chiuda per 90 lavoratori, tenendo conto della volontarietà e dell’acquisizione dei diritti di accesso alla pensione, il tutto incentivato. Le parti si incontreranno entro il 5 dicembre 2014 per verificare l’applicazione dello stesso. Venerdì 31 gennaio 2014 l’accordo sarà presentato ai lavoratori in assemblea" continua la nota di Cgil-Cisl-Uil

"Le OO.SS., la RSU e i lavoratori terranno alta l’attenzione per garantire che l’Azienda rispetti gli impegni assunti ed evidenziano come il merito di questo risultato sia da attribuire alla forza delle lavoratrici e dei lavoratori che hanno sostenuto la vertenza sin dall’inizio con determinazione, sostenuti in maniera significativa dai Sindaci di Modigliana e Tredozio, dei Parroci in particolare Don Bruno che anche nella mattinata erano presenti al presidio davanti allo stabilimento"

A riguardo commenta l’assessore provinciale al Lavoro Denis Merloni: “Mi preme sottolineare prima di tutta una questione di metodo: questa è la dimostrazione di come si possano gestire in momenti di grande difficoltà situazioni anche molto complesse, senza provocare fratture nelle relazioni sindacali e in quelle sociali. Le modalità di gestione di questa vertenza e il suo esito dimostrano in modo evidente che la storia e il radicamento sul territorio delle aziende sono un valore aggiunto decisivo nella gestione delle crisi aziendali. È infatti del tutto evidente che con questo accordo l'azienda abbia dimostrato la sua volontà di continuare la sua attività a Modigliana e di risanare i propri conti facendosi – almeno in parte - carico delle ricadute inevitabili su parte dei lavoratori. In secondo luogo l’insieme delle procedure e le modalità di gestione concordate in Emilia Romagna dalle forze sociali e dalle istituzioni pubbliche sono fondamentali per la gestione delle crisi e, unitamente alle risorse messe a disposizione, creano una solida rete di protezione che può reggere anche a pressioni molto forti.   Ma come sempre a fare la differenza è la volontà dei protagonisti e con l'accordo per l'ALPI si è dimostrato che è possibile gestire le crisi con responsabilità. Ovviamente la partita non è chiusa: l'azienda dovrà continuare la ricerca di redditività e di competitività in un mercato difficile, ma ricco di opportunità, con l'impegno comune di creare nuove opportunità di occupazione per il maggior numero possibile di lavoratori”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Alpi di Modigliana, raggiunta l'intesa sulla Cassa Integrazione

ForlìToday è in caricamento