menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cte, qualcosa si muove: accordo raggiunto su ammortizzatori sociali

Nel tardo pomeriggio di mercoledì 8 febbraio è stata raggiunta una ipotesi di accordo in materia di gestione degli ammortizzatori sociali per la crisi che si è determinata in tutto il Gruppo Cte

Nel tardo pomeriggio di mercoledì 8 febbraio è stata raggiunta una ipotesi di accordo in materia di gestione degli ammortizzatori sociali per la crisi che si è determinata in tutto il Gruppo Cte (ex Bizzocchi) e che investe lo stabilimento di Bertinoro. A renderlo noto sono stati i sindacati Fim, Fiom e UIlm di Forlì e la Rsu dello stabilimento Cte. L’ipotesi di accordo prevede l’attivazione di una cassa integrazione straordinaria per 24 mesi e l’utilizzo di una mobilità (licenziamenti) esclusivamente su base volontaria e con incentivi all’esodo.

"Importante è stata l’introduzione di un meccanismo di tutela del reddito dei lavoratori, con la garanzia per tutti di una retribuzione mensile lorda non inferiore a 1250 euro, e quindi con un contributo economico aggiuntivo a carico dell’azienda per i lavoratori coinvolti in periodi pesanti di cassa integrazione. L’accordo è stato approvato con oltre il 90% dei voti favorevoli nel referendum a scrutinio segreto che si è svolto al termine dell’assemblea" si legge in una nota.


FIM FIOM UILM e la RSU giudicano "positivo l’accordo sul piano sindacale e ritengono che sarà necessario vigilare, nel corso degli anni di applicazione dell’accordo e di utilizzo della cassa integrazione, affinché l’azienda si impegni in modo concreto alla valorizzazione del sito di Bertinoro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento