rotate-mobile
Economia

Danni alle produzioni agricole: le richieste alla Provincia si presentano con un click

Grazie ad un nuovo applicativo via web, ad accesso riservato mediante credenziali, diverse centinaia di imprese impegnate nell'agricoltura potranno d'ora in poi presentare in modo semplice, da remoto e via computer, le domande di indennizzo dei danni

Nuove tecnologie per sburocratizzare e rendere più semplici e snelli gli iter amministrativi: questa volta a beneficiare dei progetti di digitalizzazione, già avviati dalla Provincia di Forlì-Cesena da alcuni anni col trasferimento su internet della gestione di diverse pratiche, sono le imprese agricole del territorio. Grazie ad un nuovo applicativo via web, ad accesso riservato mediante credenziali, diverse centinaia di imprese impegnate nell’agricoltura potranno d’ora in poi presentare in modo semplice, da remoto e via computer, le domande di indennizzo dei danni alle produzioni agricole causati dalla fauna selvatica.
 
La Provincia gestisce mediamente 230-250 domande all’anno di indennizzo dei danni da fauna selvatica alle produzione agricole, liquidando un importo che si attesta, in media, sui 130-150mila euro all’anno. Anche gli ambiti territoriali di caccia (ATC) svolgono per il territorio di loro competenza la stessa funzione di accertamento ed indennizzo danni, rispondendo ad altrettante richieste. La Provincia di propria iniziativa ha sviluppato un’analisi di questa procedura al fine di snellire l'iter di presentazione delle domande e rendere così più efficace ed efficiente l'attività amministrativa, sia per la sua gestione all’interno dell’ente, sia per le incombenze a carico dell’imprenditore agricolo, che molto spesso risiede od opera in aree del territorio lontane dagli uffici, sia pubblici che della propria associazione di categoria.
 
Spiega, in linea generale, il presidente della Provincia Massimo Bulbi: “Nel corso degli ultimi anni la Provincia si è impegnata con sistematicità in quest’opera di semplificazione a favore del cittadino: sono state digitalizzate e “dematerializzate” le procedure di autorizzazione alle agevolazioni per il carburante delle macchine agricole, le procedure obbligatorie in carico alle aziende per il collocamento mirato dei disabili, le denunce prezzi e le comunicazioni di pubblica sicurezza degli alloggiati delle strutture ricettive, nonché tutto l’iter interno per la formazione, la sottoscrizione e l’archiviazione delle determinazioni dirigenziali. Le innovazioni hanno portato, in molti casi, alla riduzione dei tempi di risposta degli uffici, alla diminuzione del consumo di carta e a sensibili risparmi sui costi postali, tanto a carico dell’ente quanto del cittadino”.
 
Con questo nuovo applicativo web l'agricoltore, singolarmente o per mezzo della propria associazione di categoria, potrà presentare domanda direttamente dalla propria azienda, via internet, con maggiore tempestività e con minor margine d'errore, soprattutto per quanto riguarda l'ente competente cui rivolgere l'istanza. La compilazione della domanda è facilitata poiché molti dati sono acquisiti direttamente dall’Anagrafe Regionale delle Aziende Agricole e dalla Camera di Commercio. Si eviterà così di inviare l’istanza all’ente di competenza sbagliato (errore oggi purtroppo molto frequente) ottenendo economie di tempo e di risorse. Utilizzando il software, infatti, la competenza viene definita automaticamente attraverso una procedura che legge ed interpreta i riferimenti catastali con quelli cartografici presenti in una banca dati provinciale, tenuta costantemente aggiornata. In questo modo la Provincia o l’ATC ricevono immediatamente la domanda, completa in tutte le sue parti (identificazione dell'istituto territoriale e delle particelle catastali interessate, elenco delle colture agricole e della fauna selvatica etc.), attivando con maggiore celerità il sopralluogo tecnico, quando si rende necessario. Il software provvede all’invio dell’istanza in tempo reale,  azzerando di fatto i tempi postali e burocratici.
 

Il nuovo applicativo via web per la presentazione delle domande di indennizzo dei danni causati da fauna selvatica è stato presentato nel corso di questa giornata in un incontro in Provincia destinato agli operatori del settore, alla presenza dell’assessore alla Caccia Luciana Garbuglia.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danni alle produzioni agricole: le richieste alla Provincia si presentano con un click

ForlìToday è in caricamento