rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Economia

Imprese: aumentano negozi di riparazioni computer, lavanderie e acconciatori

“Confidiamo in un alleggerimento della dinamica negativa delle imprese artigiane - commenta Alberto Zambianchi, presidente della Camera di Commercio di Forlì-Cesena - poiché esse rappresentano, nel nostro tessuto produttivo, un elemento di grande rilevanza"

Sono 12665 le imprese artigiane attive in provincia di Forlì-Cesena. E' quanto emerge da Movimprese, la banca dati di Infocamere, facendo riferimento al 31 dicembre scorso.  Complessivamente si rileva una diminuzione rispetto all’analogo periodo 2013, pari all’1,8%, sostanzialmente in linea con il dato regionale (-1,7%) e nazionale (-1,8%). La dinamica anagrafica del 2014, riferita al complesso delle imprese artigiane registrate, evidenzia che le nuove iscrizioni sono state 776 e le cessazioni 997, con un saldo negativo pari a 231 unità.

Si tratta di un aldo nettamente inferiore a quello registrato nel 2013 (-423 unità). Inoltre, nonostante il perdurare di saldi negativi, si registrano segnali di miglioramento determinati dal calo significativo delle cessazioni (-19,6%). Esaminando i settori maggiormente significativi quanto a numerosità delle imprese attive, si ricava che prosegue la flessione delle costruzioni (-3,6%), le quali rappresentano il 38,9% del totale delle imprese artigiane attive in provincia (dato al netto dell’agricoltura) e, sostanzialmente, condizionano la performance di tutto il territorio.

Il settore manifatturiero, la cui incidenza è del 22,4%, diminuisce dell’1,2%, mentre il comparto “trasporto e magazzinaggio” (9,4% sul totale) si riduce del 4,0%. Crescono, invece, le “altre attività di servizi” (+1,0%) pari al 12,4% delle imprese artigiane attive (costituite principalmente da servizi di riparazione di computer, servizi di riparazione di beni per uso personale e domestico, lavanderie e acconciatori), il commercio (ingrosso e dettaglio, incidenza del 5,2%) con un aumento dello 0,8% e le attività di alloggio e ristorazione (incidenza del 4,3%), in aumento dello 0,6%.

Per quanto riguarda la forma giuridica delle imprese artigiane (al netto dell’agricoltura) si evidenzia la crescita delle società di capitali (+4,5%), dato significativo in quanto si tratta del segmento maggiormente strutturato del sistema imprenditoriale. La sua incidenza (pari al 4,9% del totale delle aziende artigiane al netto dell’agricoltura) risulta inferiore a quella della regione (5,4%) e sostanzialmente in linea con quella nazionale (4,7%). Si tratta comunque di una forma giuridica poco presente, in tutti i livelli territoriali, nella tipologia d’impresa artigiana che, per sua natura, è di dimensioni ridotte e basata prevalentemente sull’attività professionale degli imprenditori. Le ditte individuali, pari al 71,9% delle imprese attive non agricole (74,7% in regione, 77,9% in Italia), sono diminuite dell’1,8%. Le società di persone, pari al 22,9% del totale (19,5% in regione, 17,1% in Italia), sono diminuite del 3,0%.

L’importanza dell’artigianato in provincia si conferma dal peso che tali imprese assumono sul totale delle attive (33,1%), dato superiore alla media regionale (32,5%) e nazionale (26,6%). Con riferimento al territorio della provincia, i dati mostrano come le imprese artigiane siano particolarmente presenti nei comuni della collina forlivese (37,9%), nella Valle del Tramazzo (38,5%) e nell’area del basso Rubicone (39,4%). Nel comprensorio di Forlì l’artigianato pesa per il 33,5% del totale delle imprese; in quello cesenate per il 32,5%. Il comune di San Mauro Pascoli si conferma quello con la più ampia vocazione artigiana, dove il 41,9% delle imprese attive sono di natura artigiana, seguito immediatamente da Gambettola (41,8%), Meldola (40,4%) e Modigliana (40,0%). La diffusione minore di imprese artigiane rispetto al totale si rileva nel comune di Premilcuore (20,9%).

“Confidiamo in un alleggerimento della dinamica negativa delle imprese artigiane - commenta Alberto Zambianchi, presidente della Camera di Commercio di Forlì-Cesena - poiché esse rappresentano, nel nostro tessuto produttivo, un elemento di grande rilevanza che da sempre concorre allo sviluppo complessivo del territorio fornendo un contributo importante in termini di competenze, esperienze tecniche e idee innovative”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprese: aumentano negozi di riparazioni computer, lavanderie e acconciatori

ForlìToday è in caricamento