menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dometic, riprende il confronto: ma le posizioni restano ancora lontane

Si è svolto nel pomeriggio digiovedì 5 settembre, presso la sede della Provincia di Forlì l’incontro con la delegazione della Dometic Italy per riavviare le trattative in riferimento alla crisi

Si è svolto nel pomeriggio digiovedì 5 settembre, presso la sede della Provincia di Forlì l’incontro con la delegazione della Dometic Italy per riavviare le trattative in riferimento alla crisi determinata dalla decisione della multinazionale di spostare le produzioni di condizionatori per camper in Cina. All’incontro erano presenti i segretari di FIM FIOM UILM di Forlì e la RSU Dometic, per l’azienda Marco Grimandi e l’avv. Marinelli assistiti da Unindustria e le Istituzioni nelle persone di Denis Merloni (Provincia), Maria Maltoni (Comune) e Paola Cicognani (Regione Emilia Romagna).

"La ripresa del confronto arriva ovviamente dopo i gravissimi fatti verificatisi nel mese di agosto e le Organizzazioni Sindacali hanno richiesto all’impresa di sviluppare una trattativa vera innanzitutto sulle scelte strategiche della Dometic, mettendo in discussione il progetto di delocalizzazione totale della produzione di condizionatori e garantendo un futuro industriale e produttivo (e non solo commerciale) per il sito di Forlì. Come FIM FIOM UILM abbiamo inoltre chiesto all’azienda l’individuazione di strumenti condivisi per la gestione della crisi e la definizione di interventi economici a favore dei lavoratori (integrazione salariale alla cassa integrazione e incentivi per le uscite volontarie)" si legge in una nota dei sindacati.

"Nonostante l’incontro sia durato per tutto il pomeriggio e si sia concluso intorno alle 19.00, solo sul punto degli ammortizzatori sociali la delegazione dell’impresa si è presa l’impegno di verificare la fattibilità (anche grazie ad un ruolo attivo della Regione Emilia Romagna) dell’utilizzo per 24 mesi della Cassa Integrazione Straordinaria per riorganizzazione (e non per chiusura o chiusura parziale dell’azienda). Restano invece lontanissime le posizioni sul futuro dell’impegno e della presenza della Dometic in Italia visto che la delegazione dell’azienda non si è resa disponibile ad un negoziato sulle scelte di politica industriale; anche sul piano degli interventi economici a favore dei lavoratori coinvolti dalla crisi al momento l’azienda non ha avanzato alcuna proposta e questo porta le Organizzazioni Sindacali e la RSU a dare un giudizio complessivamente insufficiente sull’incontro di ieri".

"Si è comunque deciso si riconvocare la trattativa per venerdì prossimo 13 settembre alle ore 11.00 presso la Confindustria di Forlì. Resta aperta la vertenza, confermato il presidio e le iniziative di mobilitazione che si renderanno necessarie per sostenere la trattativa e le richieste dei lavoratori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento