Ecobonus, bocciato ancora lo sconto in fattura. Confartigianato: "Va abrogato"

Dall’Antitrust arriva infatti un atto di segnalazione formale a Parlamento, Governo e Agenzia delle Entrate sui meccanismi di cessione degli sconti fiscali relativi alla casa

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato boccia ancora una volta lo sconto in fattura per i lavori relativi a ecobonus e sismabonus previsto dall’articolo 10 del Decreto Crescita. Dall’Antitrust arriva infatti un atto di segnalazione formale a Parlamento, Governo e Agenzia delle Entrate sui meccanismi di cessione degli sconti fiscali relativi alla casa nel quale si denuncia come la nascita di strumenti, che impongono di gestire grandi masse di detrazioni, favorisca le imprese più strutturate, a scapito dei più piccoli.

Anche Confartigianato di Forlì ribadisce la propria richiesta "la norma va corretta in maniera radicale. Abbiamo ripetutamente sollecitato l’abrogazione del meccanismo dello sconto in fattura, indicandolo come distorsivo della concorrenza. Il principio secondo cui le imprese debbano fare credito ai loro clienti è sbagliato". Le medesime argomentazioni sono state espresse dall’Antitrust: "Il decreto crescita e il provvedimento attuativo delle Entrate creano possibili effetti distorsivi della concorrenza in quanto la prevista modalità di fruizione da parte dei clienti finali delle agevolazioni fiscali individua di fatto vantaggi competitivi in capo solo ad alcune imprese, in ragione delle loro caratteristiche soggettive".

"Di fatto, la possibilità di compensare grandi quantità di crediti fiscali crea un vantaggio competitivo a favore delle imprese di dimensioni più grandi: queste possono disporre di una liquidità maggiore rispetto ai piccoli e hanno una maggiore capienza fiscale - aggiunge Confartigianato -. L’Agcm suggerisce anche una modifica, relativa alla cessione nell’ambito del fotovoltaico, ma applicabile in generale all’articolo 10 e allo sconto in fattura: prevedere espressamente l’impossibilità di una compensazione fiscale del credito ceduto senza alcun limite. Bisognerebbe, cioè, imporre un tetto massimo alle compensazioni".

"Non si tratta della prima segnalazione dell’Antitrust sul tema - ricorda l'associazione -. A metà giugno, infatti, un altro documento aveva auspicato la modifica delle norme in fase di conversione del provvedimento, tuttavia, a fine giugno, il decreto è stato comunque convertito, senza ascoltare le richieste avanzate dall’Authority. Da allora, l’articolo 10 si è confrontato con la pratica del mercato: sono diversi i soggetti che hanno cominciato a offrire ai loro clienti l’utilizzo degli strumenti del decreto crescita. E le preoccupazioni dell’Agcm hanno evidentemente trovato conferma, tanto che adesso arriva un atto di segnalazione formale alle istituzioni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva la neve di Santa Lucia, il parere dell'esperto: ecco ci attende nelle prossime 48 ore

  • Doccia fredda sui lavoratori del centro commerciale: "Ridotti ulteriormente i festivi di chiusura"

  • Tra gli amici c'era anche l'orco: violentava una bambina di 11 anni durante le 'rimpatriate' del weekend

  • Ci sono due bellezze di Forlì alla finale di Miss Curvyssima

  • Anziano trovato in mezzo alla strada morto con la sua bici in terra

  • Travolta dal vicino al volante di un furgoncino: ennesima sciagura sulle strade del Forlivese

Torna su
ForlìToday è in caricamento